Archivi della categoria: Rispetto

Gli indignati

Ho letto dei disordini oggi a Roma. Francamente, non mi piace il teppismo, non mi piace il vandalismo, ma oggi non sono così sicura che manifestazioni pacifiche risolverebbero qualcosa. Il vandalismo di oggi è quello che oramai da anni viene perpetrato nella nostra vita, tanto da non poter nemmeno più fare finta di niente, come …

Continua a leggere

Dentro e fuori di sé

[…]Mentre però l’ignobile ricerca la colpa al di fuori, negli altri uomini, e accusa il destino, il nobile cerca gli errori in se stesso, e con questa introspezione l’impedimento esteriore diventa per lui uno stimolo ad arricchirsi e formarsi interiormente.[…] (da “I Ching” di Richard Wilhelm)

Continua a leggere

Questione di ex

Oggi ho letto da Farnocchia un post il cui argomento è intrigante: i rapporti con l’ex. Dunque, intanto bisogna fare dei distinguo: lunga storia o flirt? Lasciati per esaurimento della storia o per torti fatti o subìti? E se la nostra nuova fiamma è gelosa, come comportarci? Difendere la nostra indipendenza e il nostro diritto …

Continua a leggere

Il concetto del perdono

Cari amici, sto seguendo sul blog di Sabby una coinvolgente discussione sul tema del perdono. Le posizioni sono varie, non necessariamente contrastanti, direi persino complementari, basta accordarci sui termini ma, stranamente, stavolta non mi trovo per niente d’accordo con un commento della nostra Martina, con la quale invece solitamente sono in sintonia. Ve lo riporto, …

Continua a leggere

La lagna

Sono geneticamente allergica alla lagna. Ogniqualvolta qualcuno attacca col tono lagnoso, mi si tappano le orecchie, chiude la mente col lucchetto, non riesco a recepire nient’altro che un fastidioso rumore, come la goccia di un rubinetto che perde, che ti manda ai matti. Quando mia figlia era piccola, non appena attaccava la lagna si beccava un sonoro …

Continua a leggere

Mai grazie agli amici!

A volte le parole hanno per ognuno di noi un’accezione diversa. Questo spiega perché per esempio io e […] ci siamo trovati spesso a disquisire su una parola che per me è meravigliosa, e cioè “gratitudine”, mentre a lui mi sembra faccia venire le bolle (e non certo perché sia una persona ingrata, tutt’altro!). Addirittura …

Continua a leggere

Una domenica (quasi) di relax

Oggi avevo proprio voglia di staccare la spina, di avere una giornata che somigliasse non dico a una vacanza, ma almeno a una domenica d’estate. Partiamo con l’idea di andare a Rainbow, lei chiede di far venire anche il padre, visto che sa che io sono un’ansiosa e ha paura che se dipendesse da me …

Continua a leggere

Cambiamenti

Oggi ho imbiancato il bagno. Mia figlia, che da quando fa venire le sue amiche in casa si è trasformata in una massaia impazzita, mi ha tormentato per tutto il tempo perché sporcavo (ma va?). Da qualche tempo ha un pochino confuso i ruoli, lei la mamma di famiglia e io l’adolescente turbolenta che disobbedisce …

Continua a leggere

Culturalmente vittime

Un mio commento sul post precedente ha scatenato una bella discussione, sui due soliti fronti: uomini, donne. Dal mio commento Martina ha tratto spunto per un bel post, che vi invito a leggere. Significativo, insieme ovviamente a tutti gli altri, l’intervento di Mrs Owens che racconta una sua esperienza, che la dice lunga su una mentalità dura …

Continua a leggere

Le piccole spalle dei nostri figli

Riporto qui un mio commento lasciato sull’ultimo post di Martina: Cara Martina, forse mi sbaglio. Forse perché sono in ufficio e presa da altre cose non ho avuto la concentrazione adatta, dovrò certamente rileggere tutto ma così, a prima botta, direi che non sono d’accordo quasi con nulla di quanto espresso fin qui. Capisco la …

Continua a leggere

Rafforzare il carapace

Premetto che queste mie parole sono scevre di qualsiasi giudizio di merito. So che la situazione vista da fuori non ha le stesse dinamiche di chi la vede dall’interno, ma è pur vero che chi la vede da fuori ha una visione più chiara, come chi scende dalla macchina e aiuta l’automobilista a fare manovra …

Continua a leggere

S’io fossi il direttore

Oggi mi cade l’occhio su un quotidiano di qualche giorno fa, ed esattamente sulla rubrica di lettere al direttore (alla direttrice, actually). Non capisco il meccanismo per cui vengono pubblicate le lettere senza risposta, e allora mi viene il ghiribizzo di provare a rispondere io. Alla 32enne che vuole rinunciare a costruire una relazione fissa …

Continua a leggere

Una festa perché sì (by Diemme)

Una festa perché sì. Una piccola festa per la baby Martina, sottotono, ben lontana da quella che avrebbe meritato quella piccola meravigliosa donna. Gelo tra madre e padre, preparativi tra gli scatoloni per il trasloco verso una nuova vita. Questo sarebbe stato un post di quelli che qualcuno definirebbe “diemmici”, ma la festa è stata …

Continua a leggere

Ma è sempre favola?

Ci insegnano da bambine ad aspettare il principe azzurro, ed è così che ci rovinano. Ci rovinano su due fronti: il primo è che ci rendono a volte incapaci di accettare una persona normale, rimanendo in attesa vita natural durante di quell’essere meraviglioso e perfettissimo che il Padreterno si deve ancora decidere a creare; il …

Continua a leggere

E “continued…” sia

Non so perché nel post precedente io mi sia ritrovata scritto in calce “to be continued…”. Magari era un appunto per me, o avevo scritto poche righe e avevo deciso comunque di pubblicare solo quelle e di rifinirlo in seguito, ma poi sono riuscita a terminarlo e quella promessa di continuare è rimasta appesa così, …

Continua a leggere

De nuptiis

Qui non voglio fare un trattato su cos’è un matrimonio. Qui voglio riportare i miei commenti da Sabby, e descrivere ciò che assolutamente un matrimonio NON è. Chi non lo segue, dia un’occhiata al suo blog, soprattutto agli ultimi suoi articoli “Ma sto cambiando???” e “L’insostenibile pesantezza dell’assenza“. Qui vi riporto solo i miei commenti, …

Continua a leggere

Come ammazzare chi e perché

La figlia: Figlia: “Mamma, hai più ritirato la mammografia?” “Sì” “Com’è andata?” “Tutto bene” Allora lei, scuotendo la testa “Se ne accorgeranno quando sarà troppo tardi!” 😯 ******* Il capo: Lui: “Come stai col lavoro?” “Molto bene, sono avanti sulla tabella di marcia”. “Non potresti fare un po’ più veloce?”  😯 ******* La vicina: Dopo …

Continua a leggere

Ma l’Italia, cos’è?

Beh, mi avete ringraziato per avervi risparmiato un post sull’otto marzo, mi aspetto un ulteriore ringraziamento per avervi risparmiato quello sull’unità d’Italia (*). Però, lasciatemelo dire, io all’Italia ci credevo. Quando, alle scuole medie, iniziai a studiare il Risorgimento, io quegli eventi li partecipai, io l’Italia l’avevo conosciuta unita e non mi rassegnavo a quegli …

Continua a leggere

Ho bisogno adesso

Lo sapete che Martina ce l’ho nel cuore. Tante volte, quando leggo i suoi post, vorrei essere là con lei, vorrei aiutarla fattivamente, vorrei fare a lei quello che avrei voluto fosse stato fatto a me. Ho letto il suo ultimo post, e non ho avuto bisogno di leggerlo una seconda volta per capire tutto. …

Continua a leggere

Molestie

Oggi è successa una cosa che mi ha fatto pensare. Ero sull’autobus, e un tizio mi aveva puntato pesantemente. Continuava prima a fare cenni, poi mosse con la bocca, con la lingua e di nuovo cenni. Io voltavo la testa dall’altra parte, ma lui era sempre là, appena mi voltavo mi faceva qualche gesto. Mi …

Continua a leggere