Archivi della categoria: Rispetto

La zia s’è addobbata

Va beh, ve lo dico io, visto che lei non ne parla. La zia s’è addobbata, ma malamente, e secondo il suo stile “si va avanti ad ogni costo” si è rialzata ed è andata al lavoro. Con un osso rotto. Quando poi a casa ha chiesto di essere portata al pronto soccorso non è …

Continua a leggere

Come si fa?

Continua a leggere

Per favore, non mordermi sul collo!

Oggi mi sono docciata e tutta pulita e profumata sono andata alla mia seduta di fisioterapia. Il fisioterapista mi massaggia il collo (problemi con la cervicale), poi una vecchietta là accanto ha bisogno di aiuto, lui va là, le prende il piede, glielo aggiusta, glielo muove, glielo mette in posizione, poi torna da me e …

Continua a leggere

L’Attila innamorato?

Mi ci mancava la domestica a difendere la causa di Attila. Perché vedete, Attila, di professione, invade. Lui, di professione, sta tra le scatole, e per quanto cerchi di smammarlo, per quanto mi sia raccomandata che almeno quando c’è la signora che mi viene ad aiutare non si deve presentare, lui all’appello non manca mai. …

Continua a leggere

Ruby in lacrime, la sua verità

Scusatemi, sarò socialmente insensibile, ma certe notizie non m’interessano proprio. Ho letto sul sito dell’ansa l’articolo dal titolo “Karima El Mahroug in lacrime davanti tribunale”, e ancora non ho capito, sia che sia zoccola sia che non lo sia, cosa debba interessare al mondo. Se ha avuto rapporti e con chi, se è stata pagata …

Continua a leggere

Attila il “lavoratore”

Ieri Sissi e il padre hanno discusso molto pesantemente. Sarà che nasco figlia d’imprenditore (piccolo, ma imprenditore) che ha avuto i suoi guai con qualche operaio lavativo, ma non posso fare a meno di guardare alle situazioni lavorative pure con l’occhio dell’azienda. Attila è in malattia, per l’ennesima volta: mesi, settimane, o giorni, le sue …

Continua a leggere

I figli sono sempre “piezz ‘e còre”?

Leggo il post di Melodie sulla nostalgia di lei madre per sua figlia, e mi sale una rabbia, o forse un dolore, o forse un rimpianto, che non vi dico. Veramente non è stato il post di Sara la causa scatenante, bensì il compleanno di mia figlia. E già, perché lei ora ha esattamente l’età …

Continua a leggere

Downgrade?

Non è che il progresso mi convinca tanto. Anzi, questo tipo di progresso, più vado avanti meno mi convince. QUANDO L’UOMO AVRA’ ABBATTUTO L’ULTIMO ALBERO,  PESCATO L’ULTIMO PESCE,   INQUINATO L’ULTIMO FIUME, SOLO ALLORA SI ACCORGERA’ CHE IL DENARO NON SI PUÒ MANGIARE. (attribuita a Toro seduto) Io aggiungerei che il denaro non si può neanche …

Continua a leggere

E festa (nonostante tutto) fu!

Cari amici, a dispetto di tutto e tutti la festa c’è stata ed è stata splendida. Il luogo era incantevole, il cielo limpido, il clima mite (erano quasi tutti sbracciati). La compagnia si è tutto sommato assortita bene, le due nonne (ebbene sì, c’era anche la Lobot!), vicine, chiacchieravano tra di loro, fratelli e cognati …

Continua a leggere

Divìde et ìmpera

Mia figlia non so da quanto lo aveva scritto che le avremmo rovinato anche il suo diciottesimo compleanno. L’ha scritto e ha lasciato il biglietto ripiegato in un cantuccio, di lì a dimostrare la sua vita e le sue doti di (facile) preveggenza. Abbiamo organizzato una festa unica, le due famiglie, quella materna e quella …

Continua a leggere

Diario del capitano: IV° giorno.

Stanotte ha diluviato, siamo incerti sui programmi Io vorrei andare in Svizzera ma Attila non vuole fino a che non avrà svuotato il serbatoio, per ottenere il massimo vantaggio dal pieno di benzina. Non sopporto di essere bloccata e sprecare giorni di vacanze per l’eccitazione di risparmiare 10 euro al massimo. Siamo in Austria, comunque …

Continua a leggere

Andare via

A volte uno fa la mossa di andar via solo perché ha bisogno di sentire qualcuno che lo tiri per la manica dicendo “Resta!”. Se ciò non accade, tocca tenere il punto e andare via…

Continua a leggere

13 Maggio, festa della mamma

Grazie mamma per tutto quello che hai fatto per me e, soprattutto, hai permesso mi fosse fatto.

Continua a leggere

Buona Pasqua?

Sono chiusa in camera, ho appena discusso con mia figlia. Domenica è  tutto organizzato a casa del padre: non ho partecipato all’organizzazione, è vero, però lo sapevo. Non ho dato il consenso, ma non ho espresso dissenso. La ritenevo l’ennesima cosa che avrei fatto col naso tappato, per amore di mia figlia, ma più si …

Continua a leggere

Non chiedermi chi sono

Qualche giorno fa ho avuto una mezza discussione con una persona (della blogosfera), la quale sosteneva che, insomma, avendo avuto pure contatti privati, conoscendo io la sua identità, e che diamine, il minimo dell’educazione era rivelargli la mia! Non l’ho fatto, e ritengo che questo abbia guastato il rapporto. La stessa cosa accadde qualche anno …

Continua a leggere

Quando l’altra diventa altro (e altro ancora…)

Saranno pure innocenti, ma questo non cambia le cose: quando lei è “l’altra”, lei è la nemica numero uno, quella da annientare, possibilmente in modo cruento. Bisogna passarci sopra col tir, ma lasciare intero quel tanto che permetta il vilipendio di cadavere: lei è “l’altra”, e non esiste colpa peggiore. Succede poi che, per te, …

Continua a leggere

Perdere un amico (o un’amica)

Chi di noi può vantarsi di non aver vissuto quest’esperienza? Esperienza per me assurda, incomprensibile, e certo dolorosa. Le prime volte cerchi di spiegarti, farti spiegare, chiedere, ricucire. Di fronte all’insuccesso, soffri terribilmente, ma vai avanti, e piano piano impari anche a non soffrirne più, anzi no, a continuare a vivere come se non ne soffrissi …

Continua a leggere

Indenne

E’ una cosa meravigliosa scoprire di avere quello che gli amici sono disposti a fare per te. A volte ci sorprende, come ci sorprende chi credevamo amico e da cui all’improvviso ci vediamo attaccati, o ci sentiamo abbandonati. Oddio, magari l’abbiamo sempre saputo, e il nostro sesto senso, quello che non abbiamo mai voluto ascoltare, …

Continua a leggere

Le culle vuote

Mi inviano il link a un articolo, decisamente spunto di rilessioni. Lo leggo, sono ragionevolmente d’accordo con l’analisi che fa della situazione, mi fanno però accapponare la pelle sia le manifestazioni xenofobe che quelle sessiste. L’articolo in questione è di Camillo Langone, e risponde al titolo “Togliete i libri alle donne: torneranno a far figli“. …

Continua a leggere

Chi ha incastrato Ifigenia?

Cari amici, mi davate per dispersa? Beh, direi di no, visto che mi avete ritrovato tutti a casa della prozia, presso cui dimoravo 😀 Dunque, oggi discutevamo sul fatto che io possa essere o no leggermente prigioniera di mia figlia (Bali, zitto tu, era con Martina che ne parlavo! 😛 ). Fermo restando che io …

Continua a leggere