Archivi della categoria: Blogosfera

Benvenuto!

  Oggi WordPress è dispettoso, e non mi permette di caricare la foto di Sergio, in arte HaDaR, che ha accettato di collaborare con questo blog. Ho invitato Sergio a  unirsi a noi perché lui appartiene alla categoria “cittadini del mondo”; ha infatti vissuto la sua vita tra Italia, Francia, Israele e Stati Uniti, e così gli …

Continua a leggere

Chiarire o soprassedere?

“E’ meglio essere felici o avere ragione?”. Così ci ammoniva Louise Hay nel suo audio: “Guarisci il tuo corpo”, e la risposta pare ovvia, meglio essere felici. Ma è sempre così chiara la scelta? Sempre così ovvia? Sempre così definita? Sono davanti a un dilemma. Da discussioni continue con una persona ci troviamo alla fine …

Continua a leggere

My best blogger

Che dirvi, mi piace come scrive. Mi piace quello che scrive, sempre così terribilmente umano, con quella sua profondità, la sua acuta ironia, gli argomenti che tratta, sempre così vicini a noi, sempre esperienze in cui riusciamo a rispecchiarci.. Mi piace praticamente sempre quello che scrive, ma con “L’uomo senza amici” mi ha colpito e …

Continua a leggere

Doveri di blogger

Cari amici, una settimana che non pubblico niente e mi sento in colpa con voi. Eh sì, perché lo so cosa significa seguire un blog, aprire la mattina, o la sera, la nostra pagina preferita per leggere le novità e… non trovarle. Ci si sente pure un po’ soli, come i pulcini nel nido che …

Continua a leggere

Ciao Bal…

Nessuno è perfetto e Balibar, creatura decisamente straordinaria, è, ahimé, un ariete. E’ entrato nel mio mondo virtuale circa un anno fa, poi ha bucato lo schermo ed è entrato in quello reale, ed è stata un’esperienza di incredibile profondità e dolcezza. Mi è stato (e mi sta ancora) vicino nei momenti difficili, condividiamo quelle rare gioie …

Continua a leggere

Il segreto dei suoi occhi

Ieri sono andata a vedere questo film straordinario, che mi ha tenuto inchiodata alla sedia fino all’ultimo minuto. Io non amo i thriller, ma questo è qualcosa di diverso e di più. Forse è perché le donne amano le storie d’amore, e qui ce ne sono ben due, e poi il tema della giustizia, e …

Continua a leggere

Puzzle and people

Mi riproponevo già da tempo di riprendere il discorso su un commento che Balibar lasciò su un altro blog, e che qui vi ripropongo. Dici “La sofferenza rimane per non essere stata accettata per quello che sei. Un individuo dovrebbe essere accettato semplicemente per quello che è: un individuo, con i propri pregi e i …

Continua a leggere

Buon compleanno Ify (by Balibar)

Se racconto di quando ero bambino molti penseranno che ho avuto un’educazione rigida. A me parevano le regole della famiglia, a cui tutti (con qualche auto-concessione dei Grandi) si attenevano. Chiedere sempre per favore, ringraziare, essere gentili, ascoltare senza interrompere, sedere a tavola composti (non fare din-don con la seggiola), chiedere il permesso di alzarsi …

Continua a leggere

E’ così che appaio?

Mi ha fatto sorridere il commento lasciato ieri da Bruno De Angelis sul blog di Aurora, come risposta alla mia affermazione in cui dicevo che, poiché da parte sua era un continuo darmi ragione, avrei finito per montarmi la testa. Ve lo riporto integralmente: Non credo, non sei il tipo, cara @ifigenia ! E’ che …

Continua a leggere

Domande e Risposte

Ricevo l’invito a rispondere a questo questionario, una specie di catena, secondo alcune regole (che trasgredirò: per esempio, interromperò la catena 😉 ): 1. Sei stata chiamato così perché qualcun altro si chiamava con questo nome? No, era un nome che piaceva a mio padre, e mia madre detestava: che abbia inciso fin dall’inizio nei miei …

Continua a leggere

Contatto

Vi riporto il post pubblicato da Emma in data di ieri: Esistono diversi metodi di comunicazione, che ti lasciano credere di poter rimanere in contatto più facilmente con una gran quantità di persone. Questo è il paradosso e la grande bugia di quest’epoca perché il contatto, spesso, avviene unicamente tramite una pagina di un sito …

Continua a leggere

Il dentro e il fuori

Qualcuno lamenta che quando si legge un post (non specificatamente mio, parliamo in generale), non si capisce mai a chi si riferisce “e uno non segue”. “Insomma” era la protesta “ci facciano capire, sennò non sappiamo di che si parla!”. Ecco, a me pare sacrosanto che non si capisca. Qui stiamo parlando di emozioni, di …

Continua a leggere