Non è tutt’oro quello che luccica

25 commenti

  1. Luisa G.

    E’ l’altra faccia della medaglia. Negrieri che vogliono arricchirsi sulle spalle di gente che lavora onestamente. Nessuna assicurazione, niente contributi, niente disoccupazione, stipendio risibile per tutte quelle ore e per la particolare condizione in cui si deve lavorare. Per completare il quadro il ricatto sessuale e le molestie al personale femminile.Alla fine pure il danno e la beffa. Schifosi! Tutto questo per garantire crociere a buon mercato durante la bassa stagione, e chi ci crede? Secondo me la tecnica di sfruttamento è la stessa anche in alta stagione.

    Anche sulla Costa c’era tanto personale asiatico, sarà stata una coincidenza?

    "Mi piace"

    • @Luisa: sì, terribili i ricatti e le condizioni disumane cui deve sottostare chi ha bisogno di lavorare, però scusa, una che si presta a un ricatto sessuale per poter cambiare stanza forse non ha la stessa linea di pensiero mia e tua, non ti pare?

      Tu che avresti fatto? Io gli avrei risposto che neanche se mi fosse stato necessario alla sopravvivenza avrei accettato avances di un borioso di quella fatta, figuriamoci per un cambio stanza!

      Ritorsioni? Certo, forse ne avrebbe provate a fare ma, forse, avrebbe vinto lei (e ti assicuro che ho esperienza sul campo).

      "Mi piace"

  2. karina890

    Tutte quelle persone sono morte per tirare fuori tutto questo. Diversamente nessuno avrebbe saputo nulla. Se penso che ho conosciuto persone che mi hanno raccontato meraviglie! Doveva esserci la fregatura: eccola.

    "Mi piace"

    • @karina: la gente ha la memoria corta e dimenticherà, ma credo che una mazzata economica a questo giro le varie le compagnie l’avranno e, se permettete, io me la godo tutta! :mrgreen:

      "Mi piace"

  3. Luisa G.

    @Karina penso che la crociera sia meravigliosa, è fatta apposta per far star bene chi viaggia.Un signora che conosco non ha fatto il viaggio di nozze. Ora sta anche poco bene e per il 30°anniversario il marito e la figlia hanno organizzato la sorpresa. Non era mai stata “coccolata” tanto in vita sua. Ci fosse un po di onestà da parte dei datori di lavoro anche il dipendente potrebbe non viverla tanto male 😦

    "Mi piace"

    • @Luisa: e già, con quello che paghiamo per una crociera, ce ne sarebbe per tutti. E poi, davvero, con tutta la gente che partecipa, fosse pure vero che ci devono rientrare, basterebbe far pagare 50 euro in più ad ospite: ma no, il problema non sono i soldi, è che certa gente sfrutta il prossimo per principio, anche laddove non c’è nessuna necessità oggettiva: bisogno di sentirsi potenti? Di umiliare il prossimo per innalzare se stessi?

      Quanta pochezza è spesso nel cuore di chi non conosce quella del conto in banca!

      "Mi piace"

  4. Un mondo agghiacciante…. fatte scendere tutte le persone, questi orrendi barconi andrebbero affondati d’ufficio.

    "Mi piace"

    • @Enrico: con dentro l’armatore e tutti i compagni di merenda (certe volte mi sembra d’essere la prozia per la mia bontà d’animo e la mia disponibilità al perdono 😆 )

      "Mi piace"

  5. ..immaginavo qualcosa…ma non a questo punto….
    che vergogna….forse è per questo che quando sono sbarcata ho abbracciato la cameriera addetta alle cabine e mi sono commossa…
    Dio mio …tanti sorrisi…tanta gentilezza….e poi…
    lo metto su FB.
    la povertà porta anche a questo, ad accettare condizioni disumane.
    personale inserviente italiano non ne ho incontrato….solo ufficiali….italiani.

    "Mi piace"

    • Appunto… da sempre i popoli occidentali si sentono superiori, ma non è questo: se io per nascita, per formazione, per fortuna, ricopro il ruolo di ufficiale, e invece le persone dei paesi in via di sviluppo si devono accontentare di posizioni marginali, passi (tanto il mondo è una ruota), è nell’ordine delle cose, ma trattamenti disumani, da negrieri profittatori, certo non fanno onore a un popolo che si ritiene di civiltà tanto avanzata.

      Arriverà un giorno un po’ di giustizia sociale? Magari col quinto sole dei Maja?

      "Mi piace"

  6. karina890

    @ Luisa: la crociera è meravigliosa ma ha un suo prezzo, che con questo video salta fuori tutto. È lì la fregatura. Mi hanno raccontato meraviglie ma niente in queste proporzioni viene dato davvero gratis. Difatti.

    "Mi piace"

  7. Luisa G.

    Si, questi che sfruttano lo fanno per principio non per necessità in più godono nel trattare gli altri come pezze da piedi. E dire che pensavo che proprio perchè stavano in mare lo stipendio dovesse essere adeguato, invece è peggio che sulla terraferma, però ad umiliazioni ci siamo quasi, mi dicono. Eppure non capisco come si faccia a sopportare la vista di quei visi stravolti dalla fatica, sapere che qualcuno ha pure tentato di farla finita e non provare un minimo di rimorso. Forse accade perchè non si considerano i dipendenti come essere umani, ma bestie da soma.
    Per quanto riguarda il ricatto sessuale, non l’avrei accettato nemmeno io. Sarebbe una umiliazione difficilmente sopportabile.

    "Mi piace"

    • @Luisa: credo che le cose stiano come dici tu, o forse peggio. Io infatti non credo che per loro i dipendenti siano come bestie da soma, con le bestie da soma non hanno bisogno di sfoggiare il loro potere.

      Per quanto riguarda il ricatto sessuale, magari una potrebbe pure fare finta di cedere e, una volta in cabina, ribaltare i termini del ricatto e dire “Tutto lì? E quanto mi paghi per non raccontare in giro quanto stai messo male?” 😆

      "Mi piace"

  8. karina890

    Io credo che il rimorso ce lo abbiano, ma poi lo soffocano in tutte le maniere possibili. Non credo che esista un solo membro dell’equipaggio di una nave del genere a possedere un pieno equilibrio…o te ne vai (e sarebbe la cosa migliore) o sopravvivi con le unghie e con i denti. Morte tua…

    "Mi piace"

    • @Karina: no, non credo che abbiano alcun tipo di rimorso. Rimane valido il principio che la coscienza rimorde a chi ce l’ha.

      "Mi piace"

  9. Ach DM. Se potessi raccontarti tutto quello che capita dietro il mondo del divertimento. Io ho lavorato per il mondo del circo. Guardando il tuo filmato mi è sembrato rivivere quei momenti. Sentimenti di furia e impotenza si mescolano ricordando tutto cio. Come nella nave, ci sono due mondi. Uno che luccica, con migliaia di luci, e altro dietro, nascosto, brutto, MI-SE-RABILE.
    Quanta assomiglianza, lo stesso procedimento… via il passaporto. Di PdS non sapevo nemmeno il colore. Mangiare di scarsa qualità…. e lavoro in abbondanza. Per quanto riguarda l’alloggio…. raccomando a chi ha la curiosita di informarsi come sono “le caravane” del circo. 2 metri quadrati…. in due.
    Per un misero 910 mila lire al mese. Eh si, hotteo mila lire…. non euro. Niente giorni liberi. Riuscite a immaginare 18 mesi senza un giorno libero? Non credo.
    Quando uno di noi si è alzato al appello di mattina (eh si…. si faceva “la presenza”) a chiedere almeno un giorno alla settimana gli hanno riso in faccia. Povero illuso. Aveva pensato di mettere un buon motivo.
    – Siamo in un paese talmente bello, vogliamo almeno la domenica andare a visitare, magari un museo…
    – Consideriamo che sei venuto qui (Italia), per lavorare…. non come turista.

    Alla fine c’è stato qualcuno che si è ribellato. Si chiama Arpad, un mio amico. Circa due mesi dal suo arrivo ha deciso di mollare. Gli hanno pagato 10 giorni e ridato il passaporto. Eravamo a Bari. Lui “testardo”, ha chiesto tutti i suoi soldi per quale ha lavorato. Gli hanno replicato che perdeva una tantum per il motivo di non aver finito “il contratto”. Cioe la stagione. Che quelli soldi erano per il fatto che loro hanno speso per assicurarci i documenti Schengen (parlo del 2000). E che li avessero dato quando finiva il contratto.
    Del documento non se ne parlava nemmeno. Lo hanno cacciato come un cane (chiedo scusa ai cani). Allora lui ha preso un cartello con scritto (tipo) “Voi pagate il biglieto, loro non pagano i stipendi”, e si è messo davanti alla cassa. Loro hanno chiamato la polizia. Per il motivo di……. manifestazione non autorizzata. Vi rendete conto ❓
    E la polizia, arrivata gli ha chiesto di non farlo più. Lui ha chiesto i suoi soldi. La polizia ha replicato che non è loro competenza. Ha chiesto i suoi documenti (PDS). La polizia ha detto che ilsuo datore di lavoro li ha dicchiarato persi. Allora lui ha detto che restera sempre li a manifestare, per far vedere la gente cosa succede.
    Cosa credete che ha fatto la polizia?
    Lo hanno arrestato.
    Lo hanno portato in caserma.
    – Avessi sentito Valentino, mi raccontava lui furioso, loro invece di risolvere la mia problemma parlavano di espellermi con foglio di via. Ma il loro dilemma consta nel fatto che io mi trovavo regolare. E non potevamo farlo.

    Ma ci sarebbero tante cose. Tanti esempi.
    Troppi.

    P.S. Non voglio essere preso come uno che “si vanta”. Mi assumo la responsabilità per le mie parole. I fatti raccontati da me accadevano 10-12 anni fa nel Circo Americano. Un circo italiano… dove ho perso quattro anni dalla mia vita. Dico bene…. persi.

    "Mi piace"

    • Caro Valentino,

      intanto benvenuto in questo blog, anche se la tua è la visita di un vecchio amico ;).

      E’ drammatico quello che ci racconti (ma che significa PdS? 😯 ), ma forse da un ambiente approssimativo come il circo uno se lo può pure aspettare: si viaggia in carovane, insieme agli animali, spazi ristretti, anche il livello dei gestori non pretende di essere chissà che cosa. Negrieri vergognosi, indubbiamente, il ritiro del passaporto è assolutamente da denuncia (tutto il resto pure): poche cose mi fanno inalberare come il trattamento disumano dei propri simili, in cui ci si fa forza della debolezza e del bisogno dell’altro per prevaricazioni che una civiltà che non è più preistorica (o sì?) non dovrebbe conoscere ma, ripeto, è un ambiente da cui uno se lo può pure aspettare, pur non arrivando a immaginare tanto.

      Il fatto della crociera invece secondo me è più sconvolgente, perché è un ambiente lussuoso, dove i soldi girano, dove sembra potercene essere per tutti, dove c’è un armatore, un comandante, etc. etc., da cui uno forse si aspetterebbe un livello culturale diverso (per livello culturale intendo grado di civiltà, non titolo di studio): evidentemente, la belva umana non è mai sazia non solo di sangue, ma anche di soldi e di dimostrazioni gratuite di potere: forti coi deboli e deboli coi forti, che schifo!

      "Mi piace"

  10. karina890

    @Valentino: orribile…

    "Mi piace"

    • @karina: sì, orribile! Quante terribili realtà che non conosciamo!

      "Mi piace"

  11. Luisa G.

    Valentino non faccio alcuna fatica a crederti.

    "Mi piace"

  12. Penso che in ogni situazione in cui qualcuno guadagna, qualcun’altro perde…
    il problema penso sia l’assenza di controlli (in crociera come al circo… ma non credo che la situazione sia differente in altre realtà tipo ristoranti, campeggi ecc.) che rende possibile all’imprenditore di schiavizzare i propri dipendenti…
    Homo homini lupus…

    "Mi piace"

    • Eppure dovremmo esserci evoluti… che cos’è un’umanità non dico che non si preoccupi del suo prossimo, che pure sarebbe auspicabile, ma che sente il bisogno di prevaricarlo? Homo homini lupus? Ancora a questo livello siamo? 😦

      "Mi piace"

  13. Non c’entra il lusso oppure l’altezza delle persone Ifi. In tali mondi c’entrano soltanto i soldi. Anche mio datore era miliardario (è tuttora). Ma questi miliardi sono fatti sfruttando gente come me o la ragazza del filmato. Quello che porta più sofferenza non è poi le condizioni. Oppure il stipendio. Ma la presa in giro. Il degrado morale che galleggia su tali barconi. Sei visto come inferiore. Da persone che SONO INFERIORI. Dai tutti punti di vista.
    Morali.
    Intellettuali.
    Culturali.
    Concettuali.
    Se una persona superiore mi direbbe che sono stupido mi fa male. E ci provo a superarlo. A dimostrarli che non sono poi cosi stupido. E magari riesco a uguagliarlo, se non di più. Ho i mesi per farlo. Basta avere pazienza e insistenza.
    Ma se uno ti è nettamente inferiore….. come fai a dimostrarglielo? Non hai più i mesi per arrivare a superarlo….. perché li sei già superiore. Come fai a dimostrare ad una persona che ti è inferiore perché non sa nemmeno la storia del suo paese, invece lui ti considera inferiore perché….. non appartiene allo Schengen? Come riesci a rispondere ad uno che al tuo consiglio ti dice – “tu non sei qua per pensare, se non ti conviene….. ti mando a casa” -. Come combattere un sistema dove “non hai mollato il lavoro” ma “sei scapato”. Scapato? Che cos’è, una gallerà?
    P.S. PdS…. Permesso di Soggiorno.

    "Mi piace"

    • @Valentino: hai ragione, sono inferiori: nonostante tutti i loro miliardi, io non mi ci scambierei neanche l’unghia di un piede.

      "Mi piace"

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: