Archivi Mensili: novembre 2011

Per una trasgressioncina…

Ma insomma, poveretto, vi pare che un povero padre di famiglia non si possa trastullare tra sé e sé con un misero limoncino, magari pure del discount, che deve essere messo alla berlina di fronte al mondo intero? Evviva la privacy! Ci posso ben credere che abbia tentato tutti i mezzi per provvedere in autonomia, …

Continua a leggere

Bilancio di una giornata d’ozio

*** Ho finalmente visto “Il gattopardo”. Ho finalmente compilato, via web, il censimento 2011. Giornata non completamente buttata via. Ma tralasciamo lo spizzicamento continuo.

Continua a leggere

Chi ha incastrato Ifigenia?

Cari amici, mi davate per dispersa? Beh, direi di no, visto che mi avete ritrovato tutti a casa della prozia, presso cui dimoravo 😀 Dunque, oggi discutevamo sul fatto che io possa essere o no leggermente prigioniera di mia figlia (Bali, zitto tu, era con Martina che ne parlavo! 😛 ). Fermo restando che io …

Continua a leggere

10 ottobre 2031

Io c’ero cascata. Succede che ogni mattina io mi prendo una copia di un quotidiano gratuito, e lo metto in borsa sperando di riuscirlo a leggere nel corso della giornata, magari in autobus (speranza assolutamente vana). Al ritorno a casa, butto il giornale da qualche parte, sempre sperando di riuscire a dargli un’occhiata, ma anche questa …

Continua a leggere

Prego, definire “coglione”!

Si parlava di uomini coglioni. Finché si parla tra noi femminucce, non c’è bisogno di specificare i termini, sappiamo tutte ciò che s’intende, ma quando questo termine da noi abbondantemente usato e abusato giunge alle orecchie dei maschietti, eccoli irrigidirsi, pretendere dei distinguo, far presente che le cose potrebbero anche non stare come diciamo noi, …

Continua a leggere

Io no che non m’annoio non m’annoio

Cari amici, la vita a Roma è tutta una suspance! Una tizia si lamentava in autobus di tutte quelle che le erano capitate quella mattina lungo il percorso per andare in ufficio, e continuava a intercalare con “A dirlo non ci si crede!” e io: “Come non ci si crede? Chi non sta a Roma …

Continua a leggere