Archivi Mensili: marzo 2011

Sogno o son desta?

Ieri, giusto con Bali, si parlava di sogni. Ci si chiedeva che fossero, e lui ha fatto una di quelle sue arringhe appassionate che mi strabiliano. Avrei voluto registrarlo, e poi riascoltarlo, pensarci su. E ha ragione. Che cosa sono i sogni? Che cosa si intende quando diciamo sogni? Sogni campati in aria, rimpianti di …

Continua a leggere

Come ammazzare chi e perché

La figlia: Figlia: “Mamma, hai più ritirato la mammografia?” “Sì” “Com’è andata?” “Tutto bene” Allora lei, scuotendo la testa “Se ne accorgeranno quando sarà troppo tardi!” 😯 ******* Il capo: Lui: “Come stai col lavoro?” “Molto bene, sono avanti sulla tabella di marcia”. “Non potresti fare un po’ più veloce?”  😯 ******* La vicina: Dopo …

Continua a leggere

La sposa cetaceo

Cari amici, poi dicono di noi donne che siamo spietate! Sentite questa cronaca di un matrimonio che mi ha spedito un mio amico, e cappottatevi dal ridere come ho fatto io: una donna non sarebbe potuta essere più caustica, parola! 😉 **** Sono andato a fare da testimone di nozze a mio cugino, che ha …

Continua a leggere

Storia e dignità della lingua italiana

Cari amici, un veloce copia e incolla tanto per riprendere il discorso dell’Italia e, quello che più m’interessa, dell’italiano, di cui tornerò a parlare. Appena a casa aggiusterò, formatterò, aggiungerò immagini, ma intanto prendete questo come anteprima. **** PRIMA E’ VENUTA LA LINGUA: NON C’ERA L’ITALIA, MA DA SECOLI ESISTEVA L’ITALIANO ALL’UNITÀ D’ITALIA ERA ANALFABETA …

Continua a leggere

La mia vera mamma è papà

Non l’ho mai festeggiata la festa del papà. Forse perché  non c’era, o forse perché nella mia religione i santi non ci sono. Quello però che mi fa soffrire di più è non aver festeggiato mai mio padre, in qualunque momento dell’anno, in un modo qualsiasi, mentre per mamma facevamo i salti mortali, regalini, letterine, …

Continua a leggere

Ma l’Italia, cos’è?

Beh, mi avete ringraziato per avervi risparmiato un post sull’otto marzo, mi aspetto un ulteriore ringraziamento per avervi risparmiato quello sull’unità d’Italia (*). Però, lasciatemelo dire, io all’Italia ci credevo. Quando, alle scuole medie, iniziai a studiare il Risorgimento, io quegli eventi li partecipai, io l’Italia l’avevo conosciuta unita e non mi rassegnavo a quegli …

Continua a leggere

Ho bisogno adesso

Lo sapete che Martina ce l’ho nel cuore. Tante volte, quando leggo i suoi post, vorrei essere là con lei, vorrei aiutarla fattivamente, vorrei fare a lei quello che avrei voluto fosse stato fatto a me. Ho letto il suo ultimo post, e non ho avuto bisogno di leggerlo una seconda volta per capire tutto. …

Continua a leggere

Sesso ed ecologia: come insegnarli a scuola

Ogni tanto mi chiedo in che razza di scuola mando mia figlia: va bene l’educazione sessuale a scuola, ma a volte mi chiedo se sia il severissimo liceo classico che pensavamo o una scuola per… Bene, procediamo con ordine. Anzi no, veniamo subito al dunque. Una mattina entra in classe un tizio, mi pare che …

Continua a leggere

Molestie

Oggi è successa una cosa che mi ha fatto pensare. Ero sull’autobus, e un tizio mi aveva puntato pesantemente. Continuava prima a fare cenni, poi mosse con la bocca, con la lingua e di nuovo cenni. Io voltavo la testa dall’altra parte, ma lui era sempre là, appena mi voltavo mi faceva qualche gesto. Mi …

Continua a leggere

8 Marzo

Cari amici, magari vi aspettavate un post per l’otto marzo, e in fondo questa è stata una giornata da otto marzo, ma da otto marzo del 21° secolo, in cui collegata da casa e telelavorando (sul serio) sono riuscita a farci rientrare faccende domestiche a gogò, e contemporaneamente far cambiare un contatore, verificare ricevute, e …

Continua a leggere

E il settimo giorno si riposò

Stamattina mi sono svegliata con un umore strano. Direi che prima ero abbastanza serena, e questo stato d’animo ho pensato che sarebbe stato completo se lui fosse stato qui, accanto a me. Non stretti, non avvinghiati, non è più il momento, l’animo richiede aria, urgono spazi liberi; poi mi chiedevo quanto spazio libero mi occorra …

Continua a leggere

Analfabetismo di ritorno

Stamattina mi arriva una telefonata concitata, è mia figlia che ha il tema in classe, “Mamma mamma mamma ci hanno dato il tema sul Risorgimento, ma noi non l’abbiamo studiato, siamo tutti disperati, nessuno sa niente! Mamma mamma mamma corri, dimmi qualcosa, dimmi tutto quello che ti ricordi sull’Unità d’Italia!”. Ecco, mi ci sta bene, …

Continua a leggere

La paura e la voglia che succeda qualcosa

Che poi ci pensavo. Cercavo di capire qualcosa di me. Poi mi sono resa conto che volevo lui, solo lui e nessun altri. Giusto stamattina me l’immaginavo là, accanto a me, ancora beatamente addormentato, e io ero semplicemente tranquilla. Guardandomi allo specchio, pensavo che di lui e solo di lui non avrei avuto vergogna, di …

Continua a leggere