Archivi Mensili: novembre 2010

Benvenuto!

  Oggi WordPress è dispettoso, e non mi permette di caricare la foto di Sergio, in arte HaDaR, che ha accettato di collaborare con questo blog. Ho invitato Sergio a  unirsi a noi perché lui appartiene alla categoria “cittadini del mondo”; ha infatti vissuto la sua vita tra Italia, Francia, Israele e Stati Uniti, e così gli …

Continua a leggere

Pre-ssione pre-natalizia?

Insomma amici miei, ma dove siete tutti quanti? Già sotto pressione per il Natale, quella che da quando si prende lo stipendio di Novembre si comincia con l’avvantaggiarsi i regali, e poi, da dopo l’otto dicembre non si campa più fino alla Befana? Siete già alla ricerca di “pensierini”? Beh, a me non fatene. Io …

Continua a leggere

Diamo voce a un oggetto

Cari amici, prendendo spunto da un post di Sabby e da un commento di Ser Bruno sullo stesso, voglio invitarvi a partecipare a questo gioco, o esperimento, o esercizio letterario, chiamatelo come volete, di dar voce a un oggetto, meglio ancora se vostro, e fargli raccontare la sua storia. Per farvi un esempio, vi riporto una …

Continua a leggere

Chiarire o soprassedere?

“E’ meglio essere felici o avere ragione?”. Così ci ammoniva Louise Hay nel suo audio: “Guarisci il tuo corpo”, e la risposta pare ovvia, meglio essere felici. Ma è sempre così chiara la scelta? Sempre così ovvia? Sempre così definita? Sono davanti a un dilemma. Da discussioni continue con una persona ci troviamo alla fine …

Continua a leggere

La rabbia di Sissi

Lo sapete, il lunedì è il giorno di Attila, che oramai da mesi a casa mia non si può più accostare. Va a prendere la figlia a scuola, la porta a pranzo fuori (cinese, cinese, cinese… ), poi al centro commerciale, un the e biscottini al bar per merenda, e poi ritorno a casa (con …

Continua a leggere

Tutto su mia madre

Io con mia madre ho avuto un rapporto molto conflittuale, e non è che si sia mai risolto. A volte ho letto sui blog scritti sulla propria madre, e mi sono pure cimentata nell’impresa, ma quello che ne usciva era una tale esondazione di livore, per altro assai poco interessante per chi avrebbe letto, che …

Continua a leggere

Ah, che gioia!

Cari amici, oggi sono molto felice, talmente tanto da non avere neanche voglia di chiedermi il perché. Mi prendo questo stato d’animo così come viene, me lo godo, e poi lo metterò nell’archivio dei momenti belli. Naturalmente, se riesco a trasmettervelo, prendetene a piene mani!

Continua a leggere

Farsi pagare

Vi riporto la mia risposta a un e-mail di un mio amico che, unendo competenze e capacità a grande disponibilità, viene spesso chiamato da “amici” (e conoscenti, e amici di amici, e conoscenti di amici, e conoscenti di conoscenti) per “dare un’occhiata a…” e “vedere se si può fare qualcosa per…”. Il tutto va a …

Continua a leggere

Il ritorno a casa

Bene, ieri pomeriggio, come ho scritto qua e là sono stata a vedere uno spettacolo di Francesca Reggiani, “Quello che gli uomini (ci) dicono”. Beh, lei è una grande, indubbiamente, il teatro era pieno, e ha tenuto banco per un’ora e mezzo. Mi ha divertito, fatto riflettere, e quando è arrivato al pezzo della “donna …

Continua a leggere