L’indifferenza, la differenza: il viaggio di ritorno.

Quando l’ho raccontato a Bali mi ha detto: “Ma tutte a te capitano? Io ho anni di treni alle spalle, e non m’è mai successo niente!”. Che devo dirvi, avrò la calamita. 🙄

Dunque, salgo sul primo treno (al ritorno era previsto un cambio) e dopo un po’ accanto a me siede una vecchietta. Iniziamo a chiacchierare, lei fa il mio stesso percorso che per lei è usuale e meno male mi dico io, almeno mi dà indicazioni per il cambio.

Nel fare le scale per raggiungere il binario del secondo treno da prendere la signora cade rovinosamente e si fa male. Il braccio sanguina, la gamba è livida. Si fermano un po’ di persone a soccorrerla (tutte donne naturalmente, pare che nessun uomo si sia accorto di nulla o prestato al soccorso), riusciamo a mettere insieme disinfettante, cerotti, un po’ d’acqua da farle bere, io le recupero il bagaglio rimasto sulle scale e vado avanti a fermare il treno.

Arriva la signora, l’aiutiamo a salire, si sistema nel primo posto disponibile e io mi siedo nella fila accanto: è spaventatissima, piange che li vuole denunciare, che lei è un’invalida e ha diritto a poter raggiungere il treno senza dover fare le scale, che per lei sono un supplizio. La invito, se vuole denunciarli, ad andare al pronto soccorso a farsi fare il referto, “carta canta villan dorme”, mi raccomando di conservarsi i biglietti del treno (cosa che farò anch’io), e mi offro di testimoniare all’occorrenza.

Sul treno sale un’altra signora, anche lei, come l’altra, accanita fumatrice. Si parte dalla mancanza di vagoni per fumatori e si arriva a parlare di politica. Io tuono contro i fumatori, scoppiano a ridere per come illustro e difendo le argomentazioni, continuano a dire “ha ragione, ha ragione”, ma poi scappano in bagno a fumare. Dicono “Lo Stato non può vendermi le sigarette e poi interdirmene l’uso”, e pure loro hanno ragione, mica è coerente questo Stato che pur di far soldi spaccerebbe pure cocaina (ma non fa prima a riaprire le case chiuse?), mentre poi sull’altro fronte impedisce quello che esso stesso alimenta e incoraggia.

Il discorso va rapidamente alla cialtroneria dei nostri politicanti, e al fatto che quella del voto sia un’arma spuntata. Le faccio presente la mia opinione sul valore della microazione quotidiana, e che per come siamo ridotti ora in Italia, il cambiamento non potrà che partire dagli italiani, deve risalire dal basso verso l’alto, perché dall’alto abbiamo già visto che l’unica cosa che ci possiamo aspettare è il precipizio (burrone a destra o burrone a sinistra non è che ci cambi troppo la vita). Parlando proprio della testimonianza che mi sono offerta di fare le dico che probabilmente per il cambiamento sarà più utile quella che il voto in cabina elettorale, che solitamente in questi casi la gente si “fa i fatti suoi” e si dilegua, perché “sono rogne”, e ogni persona che vorrebbe un riconoscimento dalla giustizia è abbandonata a se stessa.

Per esempio, quando c’è un incidente d’auto, la gente generalmente s’invola per paura che le si chieda una testimonianza, mentre su un altro fronte spuntano persone che non erano presenti che si offrono di testimoniare, chiedendo in cambio la mazzetta sul rimborso assicurativo: succede così frequentemente che è chi ha torto ad avere testimonianze a suo favore, e chi ha ragione a soccombere. E’ inutile girarci intorno, questo siamo.

La signora vuole offrirmi un caffè per ricambiare, e io le dico che a testimoniare non le sto facendo un favore personale, ma è un mio preciso dovere, e che ottemperando a questo mio dovere civico cerco di migliorare la mia nazione più di quanto non farei con una crocetta messa su una scheda  elettorale.

Continuo la mia filippica contro il fumo, ridono quando descrivo i denti dei fumatori, per non parlare dei bronchi, la pelle fragile e gialla, continuano a dire “e’ vero, è vero” ma senza mancare di aggiungere “m’ammazzo come mi pare, lo Stato non si deve immischiare”, e io rispondo con argomentazione nazista dicendo che il momento in cui si ammalano è pure un costo pubblico, e quindi è affare dello Stato: lo Stato ha un doppio dovere di fermare i fumatori, sia come tutela della loro salute, sia come tutela della spesa pubblica.

Quando si apre il capitolo spesa pubblica loro giù a tuonare contro gli sprechi, e io ancora più giù a ribadire che non è un discorso, che in un paese di assassini io non posso andare a fregare il portafogli alla gente perché gli altri fanno di peggio, “gli altri fanno peggio” non deve mai essere un’argomentazione e un alibi.

Insomma, le ore di viaggio passano veloci. A un certo punto esce il discorso età, la signora ha appena otto anni più di me e io rimango allibita, giuro che pensavo una ventina: potenza del fumo?

Quando scendo chiamo Bal per dirgli che sono arrivata e che è tutto a posto, gli accenno alla caduta della signora e lui mi dice “ma tutte a te capitano?”. Di lì a pochi minuti sarei stata invitata a girare al largo da un ragazzo seduto su una pozza di sangue.

Pensandoci bene, questo non è molto un post da buon ferragosto…

Va beh, la seconda e ultima parte di racconto del viaggio ve la dovevo: da questo momento in poi

Buon Ferragosto!

52 commenti

  1. Bruno De Angelis

    UNOOOOOOO !
    @Aquilameditante, stavolta t’ ho fregato !!!!
    @Ifi, decisamente kafkiana, anche questa 2^ parte !
    Ancorchè rimpinguata qua e là con ‘tocchi zoliani’ in quei tuoi reiterati “Je accuse” contro i Fumatori, tanto accesi quanto vani !
    Un abbraccio, aspettando la 3^ !

    "Mi piace"

    • Kafkiano? Tocchi zoliani? Chiarire i due punti, please…

      (Buon ferragosto, sarò dalle tue parti anche oggi ma senza cappello fucsia, sicché ti sarà difficile riconoscermi, se non dal vociare concitato e dalla concione antifumo che improvviserò sulla pubblica piazza 😉 ).

      "Mi piace"

  2. Bruno De Angelis

    Beh, i tuoi “Je accuse” contro i malcapitati ‘fumatori’ non potevano non riportare in vita il mitico Emile Zola del ‘Caso Dreyfuss’ !
    Kafka ? Ti indico le mie, fallaci e discutibili, impressioni col ‘Metodo a Lista’, che ho rubato al mai troppo rimpianto Giuseppe Marotta .
    1) C’ è una Stazione di Partenza, e qui si può intuire che è la Stazione Termini di Roma .
    2) C’ è una Stazione di arrivo in una Città che fluttua, metamorfosizzandoci ora nell’ Isola di Bali, ora in qualcosa di indefinito, quantunque riconoscibilmente in terra di Marche .
    3) C’ è una mise ‘fucsia’, che sarebbe piaciuta assai al grande Boemo, che appare/scompare in un processo interiore dell’ Eroina .
    4) Tutto è vago, sfumato e avvolto come in una nebbia, quasi ad interiori

    "Mi piace"

  3. Bruno De Angelis

    Beh, i tuoi “Je accuse” contro i malcapitati ‘fumatori’ non potevano non riportare in vita il mitico Emile Zola del ‘Caso Dreyfuss’ !
    Kafka ? Ti indico le mie, fallaci e discutibili, impressioni col ‘Metodo a Lista’, che ho rubato al mai troppo rimpianto Giuseppe Marotta .
    1) C’ è una Stazione di arrivo, e qui si può intuire che è la Stazione Termini di Roma, poichè è da lì che sei partita all’ andata .
    2) C’ è una Stazione di partenza, ex Stazione di arrivo all’ andata, in una Città che fluttua, metamorfosizzandosi ora nell’ Isola esotica di Bali, ora in qualcosa di indefinito, quantunque riconoscibilmente in terra di Marche .
    3) C’ è una mise ‘fucsia’, che sarebbe piaciuta assai al grande Boemo, che appare/scompare in un processo interiore dell’ Eroina .
    4) Tutto è vago, sfumato e avvolto come in una nebbia, quasi ad interiorizzare il viaggio .
    5) Riappare la metamorfosi con il tocco di “un orsetto” che saluta con la zampetta umida la Partente da questa Stazione avvolta nel mistero di un processo kafkiano .
    6) Non guastano l’ atmosfera di incubo kafkiano, le cadute e perdite di sangue di vecchie signore, ovviamente non identificabili per la ‘privacy’, ma anche questa leggittima esigenza, francamente, aiuta a sostenere il mistery .
    7) Si ritorna all’ aria del Processo con le reiterate accuse al Sistema Ferroviario Italiano da parte delle vecchie signore in virtù della loro invalidità cialtronescamente disattesa anzichè coadiuvata .
    8) E, dulcis in fundo principioque, le continue metamorfosi kafkiane degli Eroi che si tramutano in @Baligenia e @Ifibàl !
    E’ sufficiente ?

    "Mi piace"

    • Come no… 😉

      … parte il trascurabilissimo fatto che la zampetta dell’orsetto era asciuttissima, come pure i suoi occhi a differenza dei miei 😥 … almeno così ha dato a vedere; mi giungono però testimonianze che un uomo intorno alla cinquantina, dall’aspetto che dalla descrizione sembrava proprio il nostro Bali, abbia tentato il suicidio perché affranto dal dolore della partenza di una persona cara: sarà lui? Mi dicono ancora che ci sono voluti quattro energumeni per fermarlo, mentre lui continuava a urlare no e a strapparsi i capelli. Quando lo rincontrerò, li conterò ad uno ad uno, e finalmente saprò se quell’uomo, che davanti a me ha simulato freddezza e indifferenza, in realtà era l’amato Bal che finalmente dava sfogo ai suoi reali sentimenti 😛

      "Mi piace"

  4. Bruno De Angelis

    Misteri d’ oriente !
    O della mia pochezza informatica !
    E’ partita prima una parte, poi l’ intero commento .
    Diciamo che è quest’ ultimo la mia risposta al tuo ‘perchè’ !

    Ps. Che piacere, saperti di nuovo a Roma e, oggi, qui ad Anzio !
    Dove la giornata, Amica mia, non si annuncia benissimo da un punto di vista climatico . Tempo, minacciosamente variabile !

    "Mi piace"

  5. Bruno De Angelis

    Sarà lui ? Penso proprio di sì !
    Poichè il ‘nostro’ @Bali è un grande in tutto, soprattutto nell’ Amicizia che sa rendere ‘paradiso’, all’ ospite gradita, anche il picco di un aquila !

    Ps. Ogni riferimento al noto @Aquilaguercio ed alla sua magione tra le montagne della padania, è del tutto involontario !
    O quasi .

    "Mi piace"

  6. @Bruno, a proposito di sacra amicizia, se ti capita di sentire Aurora dille che c’è posta per lei STRAURGENTE!

    Tornando a Bali, meglio che io sia tornata presto, mi ci stavo abituando ad essere viziata, poi sono abitudini difficili a perdere… come i chili che, ahimé, ho preso, a causa della sua cucina sublime 😉

    "Mi piace"

  7. Bruno De Angelis

    Cucina ? CUCINA PURE ????
    E lo lasciate ‘single’ ?
    Boh, ste Donne…….

    “Bonum facettero chille Foeminae a nun circuire lo Masculo che avette a vivere come uno sancto ! Imperocchè…..SDENG !
    A San Pietrì, oggi non è aria !

    "Mi piace"

  8. leamichedelsabato

    mi riservo di legegre dopo il tuo post,
    intanto buon ferragosto!!
    …. p.s. 😉

    "Mi piace"

  9. io sono una fumatrice e quindi mi sento un po’ chiamata in causa,
    però sono una fumatrice educata,
    fumo solo dove non creo problemi a nessuno eccetto che a me stessa!!!
    anch’io ho viaggiato tanto negli anni passati e mi sono successe svariate cose ma non così,
    quello che più è triste è l’indifferenza che a volte però è paura,
    sai molte persone sono spaventate e non sanno cosa fare;
    molte volte è davvero indifferenza ma altre volte è semplicemente paura!

    "Mi piace"

  10. @Bruno: e secondo te è una scelta di noi signore lasciarlo single? 😉

    @Sabby: lo so che spesso è paura, però c’è sempre “un altro modo” di affrontare le cose. La signora che l’ha disinfettata le ha spruzzato lo spray da lontano, senza toccare la ferita, e le ha fornito un fazzoletto invitandola a lavare e tamponare la ferita, più la boccetta d’acqua. Un’altra ragazza, ammetto fidandosi un po’ di più, mi ha affidato il suo bagaglio per andare al bar a prenderle de ghiaccio. Io ho recuperato il suo bagaglio, guardato quello della ragazza, sono andata avanti a fermare il treno che non partisse senza di lei: in fondo ci siamo date tutte da fare senza sporcarci le mani (a parte la ragazza che mi ha affidato il bagaglio che in teoria, se fosse stata una cosa montata, avrebbe potuto non ritrovare più né me né la valigia.

    Io credo che ci sia più indifferenza che paura: in fondo, alle tre del pomeriggio, in una stazione piena di gente e probabilmente anche vigilanza, cosa volevi che succedesse?

    "Mi piace"

  11. balibar

    Mi accorgo di essere ancora assente fra i commentatori al post di Ifigenia.

    Non è del tutto colpa mia. Sono poche ore che è svanito l’effetto degli psicofarmaci e mi hanno tolto la camicia di “contenimento”. Perché me l’hanno messa non so.

    Sì, Ify, ho sentito anch’io gli infermieri raccontare di un uomo, “apparenetemente” sulla cinquantina, che minacciava gesti estremi.
    Ma non credo che sia qualcuno che conosco.
    Io, fra l’altro, ricordo solo la stazione. i binari eppoi ho stranamente un buco nella memoria. 😉

    Umidità agli occhi? Non diciamo eresie: un uomo non piange, MAI.

    Però sono stato sinceramente contento della tua visita, poterti accogliere con quella confidenza che si riserva agli amici.
    Hai un po’ rotto… 😆 dico, hai un po’ rotto quelli che sono i miei ritmi, gli schemi con cui scorrono di solito le mie giornate, offrendomi presenza, chiacchiere e allegria.
    E di questo ti ringrazio.

    Certo che mi è dispiaciuto che partissi, ma è più forte l’essere felice per il bello ricevuto, piuttosto che la tristezza che si genera per “un momento” interrotto, ma che mi auguro si possa replicare.

    Una cosa non capisco: abbiamo mangiato le stesse cose (spaghetti, insalata e fettina di carne) tu prendi peso ed io lo perdo? 😯

    @Bruno: conosco la Taverna del Pescatore ma non frequento, datossicché (inorridisci) non mangio pesce e sono per di più astemio.
    Comunque Casteldimezzo non mi risulterebbe proprio sulla strada per Urbino, un po’ più verso il mare, ecco 😉
    Infatti c’è una spiaggetta davvero carina.

    Altra curiosità: ma San Pietrino non fece per caso conoscenza con Guglielmo da Baskerville e più precisamente con Salvatore, l’ex eretico del Nome della Rosa? 😆

    "Mi piace"

    • @Bali: mi fa piacere avere un po’ rotto 😆 la tua solita routine in modo gradevole, e certo che si ripeterà, sempre che io ritorni da quell’orribile viaggio che mi aspetta in Grecia. Se per un viaggio in treno ho avuto tanto da raccontare, pensa per un viaggio in macchina + treno + navetta + aereo + taxi + traghetto + macchina, per un totale di oltre sedici ore, che cosa potrò mai raccontare: forse soltanto che ad Attila ho buttato le braccia al collo, ma che dico, solo le mani, e poi ho stretto, stretto, stretto…

      "Mi piace"

    • @Bali

      Una domanda: oggi una blogamica mi ha scritto chiedendomi come sono nella realtà. Tu che risponderesti?

      "Mi piace"

  12. leamichedelsabato

    bali@ ma che carino che sei!!!
    comunque cara ify, l’indifferenza è orrenda e fa un gran male sia quando la riceviamo sia quando guardiamo il mondo con occhi distratti!
    buona serata a tutti!!

    "Mi piace"

  13. Viaggio in Grecia? Non ti va? facciamo cambio, a me piace viaggiare con qualsiasi mezzo di trasporto (a parte la macchina, ammetto che odio guidare). Salto da un aereo all’altro (molto spesso), prendo coincidenze, adoro i treni (e li prendo molto spesso in varie nazioni), la barca mi incanta. Per cui ti lascio i figli viziati (di cui un’adolescente che in questo esatto momento mi sta facendo saltare in nervi) ed un lavoro tedioso (turno per il mese di agosto 7am -3.30 pm) ed io me ne vado in Grecia. Pero’ dove abito e’ bello, giuro… c’e’ anche uno splendido fiume 😀
    (e se pensi che Attila sia da strozzare, aspetta prima di conoscere il mio ex-marito: allora passi direttamente al kalasnikov).
    😀
    Buone vacanze!!!

    "Mi piace"

    • @Martina: io il viaggio in Grecia con Attila lo scambierei pure con quindici giorni a Rebibbia (carcere romano, ndr).

      Scambio accettato, e parlo sul serio!

      "Mi piace"

  14. Bruno De Angelis

    @Ifigenia-13 : debbo ancora una volta ringraziarti per la tua affettuosissima sensibilità . L’ ho gia fatto altre volte ? E chi se ne frega, ‘repetita juvant’ ( per @Bali : le cose ripetute giovano ) !!!
    E’ una scelta di Voi Signore, lasciare ‘single’ @Balibar ???
    Ma non ci penso neppure ( la mia era una ‘scontata ironia’ ), è lui, che per restarlo, si difende ( e si è difeso ) ‘con le unghie e con i denti’, per quanto gli Opossum possano averli efficaci !
    @Balibar-14 ( daje, sperjamo nun arivi @Aquilaplichiscartante, sinnò a qui aribattemjo er record de l’ antra vorta e arifamjo notte ! ) : ‘non credi di conoscere’ quell’ aspirante suicida a cagione della partenza di @Ifi ?
    Delle due l’ una : o non ti fai la barba da tempi remoti – o te la fai ‘senza usare lo specchio’ !!!
    Per Casteldimezzo, si prende la Statale che, uscendo da Pesaro, sale struggentemente ad Urbino . Ad un certo punto, un cartello sulla destra indica ‘Casteldimezzo’ e, prendendo quella strada, si sale verso questa località ‘a picco sul mare’ con vista mozzafiato dell’ Adriatico, una deliziosa spiaggetta sottostante ed una Parrocchiale imperdibile per il suo Prezioso Crocefisso dipinto su “tavola” ( capolavoro dell’ artigianato veneto ) dal Maestro Jacobello del Fiore .
    Non mangi ‘pesce’ e non bevi ‘vino’ ??? Si sopravvive lo stesso !Bene, ti faccio qui una proposta . Ai primi di settembre ( diciamo verso il 10 del mese ) io mi troverò in viaggio solitario ‘on the road’ a Pesaro . Risiederò all’ Hotel S. Marco ( disattendendo le aspettative degli Amici Pesaresi che mi vorrebbero far fermare a casa loro ), a due passi dalla mia Caserma ‘DEL MONTE’ dove in passato feci il Militare c/o il ’28° RGT Fanteria “Pavia” . Da lì, base logistica che amo, partirò ogni giorno alla ricerca di emozioni o cose perdute, da solo o con Amici straordinari . Il mio Cellulare è 346/9422234 ( ripeto : 346/9422234 ) . Se tu lo vorrai, mi potrai chiamare quando vuoi in ogni momento !
    E ce ne andremo insieme, da soli o con chi vorrai, dovunque riterrai . Porterò con me la mia Chitarra e la tracolla per Armonica ( Honer ) e potremo, vino o non vino, pesce o non pesce, fare qualche rimpatriata a Pesaro, una Città che adoro quanto Roma, o nei suoi fantastici dintorni ( Novilara, ad esempio, o Fiorenzuola di Focara ) .
    Sì, lo racconta lui stesso, di aver avuto occasione di conoscere e frequentare sia Guglielmo, sia Salvatore . Ma per poco, ritenendo troppo ‘agnostici’ quei due Fratoni in odore di eresia…. “Imperocchè lo Dommene nostro, nun avette a consèntere che lo Frate…SDENG !!!!! ( San Pietrì, te lo ripeto, vattene a fanc…, oggi non è aria ! ) …. e invisi all’ estableshment clericale di quei tempi oscuri .

    "Mi piace"

    • @Bruno: finché si scherza si scherza, e se è vero che Bali difende la sua singletudine, ti assicuro che non ha avuto nessun bisogno di farlo con le unghie e con i denti (anzi, quando ci siamo seduti vicini, ho messo un cuscino tra di noi affinché stesse più tranquillo).

      Questa di dare il cellulare qui su Internet non l’ho capita molto, anche perché altrove hai scritto che era più prudente non darlo, e poi lo scrivi qui: comunque sei maggiorenne e vaccinato, e credo che il mondo tu lo conosca, quindi rispetto la tua scelta.

      Io da parte mia non ti chiamerò, né credo lo farà mai Bali. I rapporti virtuali, per passare a reali, hanno bisogno che scatti una molla, come per l’innamoramento e questo, ti assicuro, non dipende dalla simpatia o meno, dall’apprezzamento o meno, ma solamente, per l’appunto, dalla “molla”, da “quel certo non so che” che ti fa dire che quella persona sei pronta a conoscerla (e parlo di semplici rapporti amicali).

      Questo virtuale è un mondo strano, di cui le regole si improvvisano, e secondo me anche quelle della netiquette. Comunque è un posto pubblico, e se io mi denudo nello spogliatoio di una palestra, non significa che sia disposta ad andare nuda per la strada né, neanche nello spogliatoio suddetto, ad andare in giro con un cartello con su scritto nome, cognome, numero di cellulare.

      PS: guarda che fino a “repetita iuvant” Bali ci arriva, ha ben studiato latino al liceo e poi credimi, è davvero un tuttologo.

      "Mi piace"

  15. dani

    Bentornata, Ifigenia.
    Mi sembra di leggere che tu abbia passato un gradevole ferragosto.
    Beh, per la proposta di scambio considera anche me, eh? 😉
    Non mi dispiace affatto la proposta della Grecia che non conosco.. In cambio cosa ti offro io? Non molto ma sicuramente .. meglio di Rebibbia!!

    "Mi piace"

    • @Dani: affare fatto anche con te, tanto l’appartamento è per quattro persone. Con te e Martina insieme per Sissi mi sento più tranquilla, e anche voi vi terreste compagnia affrancandovi almeno parzialmente da Attila, o quanto meno alleggerendone il fardello.

      Più che gradevole ferragosto è stato un gradevole (meraviglioso) pre-ferragosto, sono rientrata il 14.

      E a te com’è andato il ferragosto?

      "Mi piace"

  16. Pro’ lo scambio quasi mi attira… tu mi dai l’impressione di essere una donna che quel merluzzo surgelato del padre dei miei figli se lo mangerebbe in un boccone (magari cucinato come baccala’ 😀 )… quasi quasi 🙂
    Per il resto mia cara ti ho risposto sul mio blog 😉
    Un abbraccio, stasera ho deciso di dare mio figlio per adozione perché davvero mi ha eseperato 😀
    (ti capitano mai quei giorni? >:@)

    "Mi piace"

    • @Martina: forse oggi il merluzzo surgelato me lo mangerei in un boccone, ma non credere che io sia stata tutta la vita immune da questi soggetti e non mi sia fatta fare a pezzi e fagocitare quando è stato il mio turno. Diciamo che il tempo non passa invano e, come ha detto Bali nel suo ultimo post, qualche cicatrice mi ricorda di tenere alta la guardia.

      Se mi capita di non poterne più di mia figlia? Beh, in passato mi capitò di scoppiare, anche più di una volta, ma il problema è che ho al massimo un’ora di autonomia senza di lei 😉

      Baci.

      "Mi piace"

  17. Bruno De Angelis

    Lo so, @Ifi, lo sò ! Ed è vero quello che dici .
    Ma come hai affermato tu in altra occasione :”Mai dire mai” !
    E chi ti dice che il caso, la pura e mera casualità, non mi faccia incontrare @Balibar ?
    Io lo riconoscerei subito, lui altrettanto . Poi se la ‘molla’ scatterà ci daremo la mano ‘da amici’ e prenderemo un caffè insieme, se non scatterà rimarremo ciascuno, educatamente, al posto nostro . Restando, con soddisfazione reciproca, penso, ‘amici virtuali’ .
    Le regole del Blog sono importantissime ( ed è vero che io, da neofita, non di rado le vìolo ), ma ancora più importanti sono le imponderabili vicende della vita ed a quelle, Amica mia, è difficile sottrarsi .

    "Mi piace"

    • @Bruno: “mai dire mai”, l’ho scritto e lo penso, ma sappi che questo tuo modo quasi di estorcere informazioni private, confidenze e incontri, mi lascia interdetta.

      Mi ha lasciato perplessa il tuo dire a Dani “Ora mi devi dire che insegni” e non ricordo che altro (non saranno le testuali parole, ma il concetto era quello), e anche questa “sfida” a Bal (che, ti assicuro, è un osso duro, e non si farà impressionare da tentativi di messa in scacco psicologico).

      Ricordi il tuo primo “scontro” con la prozia? Era su un blog di una ragazza, sul quale chiedevi a un commentatore di dirti il suo cognome, dal momento che tu lo dicevi. E qui torniamo alla confidenza: tu puoi dire le tue cose, ne sei padrone, ma non puoi pretendere che gli altri ricambino.

      Tu sostenevi che volevi essere amico, ma l’amicizia pure non è una cosa che si possa pretendere, ed è assolutamente reciproca, guai a calarla dall’alto.

      Per quanto riguarda “le imponderabili vicende della vita”, non posso che darti ragione, persino gli dei si piegavano al Fato, l’unica entità nei confronti della quale nulla potevano.

      "Mi piace"

  18. Bruno De Angelis

    Nò, su questo sono d’ accordo – a 360° ! – con te, non fa una grinza la tua riflessione affettuosa ma ferma !
    Ma non è il mio “un voler estorcere” l’ Amicizia, poichè in tal caso non si tratterebbe di Amicizia, o d’ altro sentimento da questa sublimato ( il che non sempre riesce facile, o privo di sofferenze indotte ), come piace a me, e come sa chi mi conosce realmente a fondo, “comunque e senza nulla a pretendere” , dove la parola “comunque” sta a significare, per me, “in ogni circostanza, a prescindere da differenze sociali, culturali, politiche, di razza e di credo” .
    E’ tuttavia un mio difetto ( ma c’ è qualcuno che non ne ha ? ) il voler lasciare sempre ‘tracce di me’ su quello che realmente faccio nella vita quotidiana o scrivo a riflesso’ . Poichè mi piace pensare che, se uno lo voglia, o abbia bisogno di me, possa sempre sapere dove trovarmi . Talvolta questo è un bene, talvolta ahimè non lo è !
    Nell’ ottobre dello scorso anno, mi capitò una situazione più o meno analoga a questa . Provavo amicizia e stima per un blogger, leggevo sempre i suoi interventi ‘ponderati e profondi’, e cercai, lui non volendolo, di rendere ‘reale’ ciò che invece era ‘virtuale’ e tale doveva restare nelle intenzioni altrui . Eravamo su un altro Blog che avevo cominciato a frequentare e, evidentemente, esagerai . Fui rampognato da una tua ‘lontana parente’, blogger anch’ essa ( ed intelligente come te ! ), più o meno con le stesse parole che hai usato tu .
    Bene, non cercai più quel blogger che aveva destato la mia ammirazione, ritenendo ‘giusta e motivata’ la sua volontà a ‘non sentirmi amico’ ed a non voler minimamente sentir parlare di me .
    Ammetto che col mitico @Balibar io possa aver esagerato e non d’ adesso ( ricordi il mio desiderio a voler sapere di quale Città fosse, fin dall’ inizio del mio accesso al tuo Blog ? ), e ammetto che la vostra descrizione sulla breve vacanza trascorsa da poco abbia indotto in me una non trascurabile nostalgia per quei posti che mi sono tanto cari .
    Ci incontreremo mai là o altrove ? Chissà !
    Certamente, se lui non ne avrà il piacere, o non scatterà – come dici tu – “quel quid” che susciti il desiderio, rimarrà tutto ‘rigorosamente virtuale’, salva ovviamente quell’ imponderabilità del Fato, su cui neanche Zeus poteva qualcosa !
    Resta comunque per me l’ ammirazione e la stima, in crescita, per questo “orsetto” raro e saggio, capace di scrivere ed agire con la elegante lievità che io, purtroppo, non ho . Ma sto imparando tanto da lui e da te, questo è certo .

    Ps. Attenzione, non mi sono dimenticato che, con la riapertura delle scuole, dovremo – sempre che lo vogliate ancora – chiudere il discorso sul tema “Scuola e degrado”, un tema che come ormai già sapete mi è particolarmente caro .

    "Mi piace"

  19. dani

    Ifigenia, il mio ferragosto è andato benissimo!! E cioè non ho fatto assolutamente nulla! Nulla di speciale .. ovviamente, se non la vita di tutti i giorni. Premetto che è una festa inesistente per me. Non la sento per niente, forse perchè sono già in vacanza come è sempre stato fin da bambina..e non capisco nemmeno perchè ci sia questa abitudine di augurarsi: “Buon Ferragosto”. Equivale a un.. “Buona Domenica”.
    Non ti nascondo che odio queste feste in cui sembra essere d’obbligo divertirsi e fare qualcosa di speciale. Le vedo più che altro come uan spina nel fianco a chi, per un motivo o per l’altro, non ha la possibilità di farlo. E infatti trovo assurda la domanda, quasi di routine, che ci si sente in anticipo: ” Cosa fai a ferragosto?” Così come .. a natale etc. etc.
    Comunque, me la sono cavata bene, perchè sono stata alcuni giorni da sola e, vivendo in questo momento (ancora una volta) un periodo un pò tumultuoso, mi ha fatto molto piacere questa forma di relax del.. non dover pensare!!
    Ho pensato solo a me stessa..
    Il giorno di ferragosto ho però pranzato in compragnia di due amici ma nessun pranzo-abboffata.. solo compagnia.
    Non mi lamento.. 🙂

    "Mi piace"

    • Cara Dani, anch’io non ho mai festeggiato il ferragosto, ed è una “festività” (l’ho messa tra virgolette perché neanche io la vivo come tale) che non mi dice nulla.

      Ieri però è stato bellissimo perché sono andata a trovare mia figlia e l’ho riabbracciata dopo tanti giorni.

      "Mi piace"

  20. dani

    E adesso prendo un altro discorso. Sì, le richieste di Bruno mi hanno lasciato un pò perplessa. A quelle dirette a me personalmente rispondo che alcune cose le ho già dette, come il fatto di non essere giovanissima e di insegnare da quasi trent’anni o di essere anche io a Roma ma.. altri particolari no. I particolari vengono fuori così.. man mano.. quando ognuno di noi “sente” di darli. Ecco, quel “sentire” è la condizione essenziale!
    Bruno, leggo che hai già avuto qualche esperienza negativa per questo tuo modo di fare. Mi permetto di dire che il tuo comportamento potrebbe sembrare un pò invasivo e ti consiglio di essere più cauto.. Per carità, agisci sicuramente in buona fede ma, sono d’accordo con Ify, il mondo virtuale è un mondo un pò particolare.. Non credo che esistano delle vere e proprie regole da rispettare ma sicuramente c’è da rispettare gli altri. E cioè come gli altri vogliono vedere e utilizzare questa vita virtuale.
    Mi è già capitato di dirlo in altre corcostanze virtuali.. il mondo del web sembra essere nato su uno dei migliori aforismi di Oscar Wilde: “Una maschera ci dice più di una faccia”..
    Ognuno poi vedrà se è e quando levare la maschera..
    p.s. per quanto riguarda il discorso-scuola- che , a dire il vero, io ritengo più o meno concluso, non vedo a cosa possano servire altri particolari sulle mie esperienze. Non credo che il discorso cambi..

    "Mi piace"

    • “Una maschera ci dice più di una faccia”: è vero, non ci avevo pensato. Una mia amica dice “Alla fine la maschera prende la forma del viso”, per dire che comunque, anche con la maschera, non possiamo che somigliare a noi stessi, ma l’aforisma che ci hai riportato è ancora più pertinente (e impertinente allo stesso tempo); eh sì, perché di faccia uno ha quella che la sorte gli ha dato, ma la maschera se la sceglie, e ce la dice lunga sulle sue priorità.

      "Mi piace"

  21. dani

    Già.. la maschera aiuta ad essere veramente sè stessi.. 🙂

    "Mi piace"

    • @dani: l’hai detto. Uno sceglie la maschera che più lo rappresenta, si finge ciò che vorrebbe essere, e questo la dice lunga su desideri ed indole!

      "Mi piace"

  22. dani

    Cara ifigenia, non è proprio così che io interpreto questo aforisma. Non vedo nella maschera la possibilità di “fingere” di essere chi si vorrebbe essere, ma forse quell’aiuto che si può ricevere dall’anonimato nell “essere” veramente sè stessi..
    A volte la timidezza, l’insicurezza condizionano la tua vita.. e il non essere riconosciuti può aiutare.

    "Mi piace"

    • Quello è il meccanismo della rete, cioè di quello che oggi è la rete, e ieri magari il viaggio in treno, in cui ci si “sbottonava” con uno sconosciuto, confidando storie e stati d’animo che non avremmo detto al nostro migliore amico, in questo aiutati unicamente dal fatto che per lo sconosciuto eravamo sconosciuti a nostra volta, e che con tutta probabilità non l’avremmo incontrato mai più.

      Oltretutto ciò che raccontiamo a volte coinvolge anche altri (genitori, figli, mariti, suocere, colleghi), e sarebbe una mancanza di rispetto a volte grave, altre volte persino reato, divulgarne situazioni personali e confidenze (il concetto è sempre lo stesso, siamo autorizzati a raccontare le nostre cose, non quelle altrui). L’anonimato aiuta chi racconta ad aprirsi, e chi ascolta a svincolare i fatti dalle persone, e a valutarli in maniera più oggettiva.

      Chiaramente, tu intendevi una cosa, io ti ho risposto su un’altra, e questo ci permette di mettere a fuoco un’altra questione: le maschere non hanno tutte lo stesso scopo, ci sono quelle indossate per proteggersi, e quelle nate per ingannare (o ingannarsi).

      "Mi piace"

  23. Bruno De Angelis

    Concordo, @Dani !
    Ma ad essere sinceri, se si riguarda il Post di “Scuola e Degrado” e si rileggono attentamente i commenti, io non mi ero permesso di chiederti chi sei, quanti anni hai, dove abiti, in quale scuola ( nel senso di una Scuola precisa ubicata a … ! ) insegni . Io, per assolvere alle “tue” precise richieste di “siate meno generici”, “non date addosso agli Insegnanti per partito preso”, “prendete atto delle loro difficoltà” , etc. , avevo bisogno di una risposta del tipo : 1) insegno da tot anni – 2) insegno latino ( o un altra materia qualsiasi ) – 3) insegno in una struttura pubblica o privata ( dall’ asilo all’ uiversità ), punto ! Ed avevo necessità di queste informazioni ‘unicamente’ per fare con te ( o con altri ) un discorso mirato, atto a rimuovere, da ciascuno di noi, pregiudizi e sicumere, consentendoci, insomma, di “crescere in diminuendo” .
    Fui invasivo ? Dovevo esser più cauto ?
    Viste le “tue” giustissime richieste e vista l’ importanza del Tema ( proposto da @Ifigenia, non da me ! ) che appassiona tutti, francamente mi sembra di nò !
    Altra cosa, di tutt’ altra natura, fu l’ episodio da me citato e di cui @Ifi si ricordava . Là veramente, “da neofita del blog”, diedi l’ impressione di pretendere un’ amicizia da chi non ne era minimamente interessato . La cosa finì là, pur continuando io ad apprezzare quel blogger da ‘non amici come prima’ .
    Per cui, almeno in questo caso, non penso di avere necessità di una ‘maschera’ wildiana .
    In altri casi, forse sì !
    Come capita a tutti, credo .

    Ps. Se alla ripresa dei lavori scolastici riterrai di proseguire il confronto, sarò contentissimo a tua disposizione nel Blog ( e chissà che le nostre ‘osservazioni’ tecniche non possano giovare a qualcuno ! ) . Altrimenti, se intendi chiusa qui la questione “Scuola e Degrado”, chiudiamola pure qui e Amici come prima .

    "Mi piace"

  24. Bruno De Angelis

    Leggo adesso la riflessione di @Ifi-38, che prima, scrivendo il mio commento a @Dani, non conoscevo .
    E’ sacrosanto, quello che affermi @Ifigenia !
    E lo apprezzo in modo tale che, non appena mi sarà possibile ( per i noti intoppi col mio PC ), assumerò un “NICK” più appropriato per assumere quell’ anonimato che valuto giusto ma “nella sostanza con cui Tu l’ hai espresso” !

    "Mi piace"

  25. dani

    Sì, Ifigenia, è quello il meccanismo della rete..”confidenze ad uno sconosciuto”!

    Bruno, se leggi quanto ho scritto nel mio post precedente, è chiaro (almeno credo..) che il mio consiglio ad essere più cauto partiva da quanto tu stesso avevi raccontato a proposito di altre tue esperienze e anche dalle tue proposte a bali, numero di celllulare compreso.
    Riguardo alle domande rivolte a me, ho risposto per quel che mi sentivo di fare.
    E, come ho già detto, non credo che il discorso possa cambiare a secondo di dove e quale materia io insegni.
    Una cosa è “sicura”, da come mi sono espressa, non insegno nella scuola privata.

    "Mi piace"

  26. Bruno De Angelis

    Ne prendo atto, sinceramente, carissima @Dani !
    C’ è sempre del vero, in quello che diciamo o percepiamo .
    Di te, pur sorpreso da quella parola “Prof” che, ironica o non ironica, aborro per le ragioni predette, ho percepito subito una passione, non interamente ricambiata dall’ ambiente, per la Scuola .
    Mi permetto soltanto, abbandonando ogni cautela, di dirti di non lasciarti mai risucchiare dalla cialtroneria che tutt’ oggi, ahimè, opacizza la nostra amatissima Scuola . Non lo meriterebbero nè i tuoi sacrifici di studio, nè la passione per questa ‘nobile’ Istituzione che tutt’ ora trapela dal tuo cuore . E non lo meriterebbero anche, se non soprattutto, i pochi o tanti tuoi Allievi che sono riusciti a capirti e a seguirti, nel loro interesse di Studenti, ad onta di tutto .
    Questo è uno degli ultimi interventi che faccio col mio vero nome .
    Non appena avrò avvertito tutti i Blogger che seguo con costanza e stima affettuosa ( sono non più di una decina, compreso questo di @Ifi ) della mia metamorfosi, prenderò anch’ io un ‘nick’ che sento a me appropriato ( c’ è voluta @Ifi, a farmelo capire ! Ma a lei chi sa resistere mai ? ) e reinterverrò qui per te, magari parlandoti di Alessandro, un Ragazzo che mi sta dando sorprendenti opportunità di affinare la mia passione ad insegnare e la ‘spinta giusta’ a riappropriarmi del solo cibo che non riesco a rifiutare mai . Specie quando alla mia Tavola imbandita ritrovo il volto degli Insegnanti che adorai e che mai ho dimenticato .
    Frattanto, “valeas”, Amica mia !

    "Mi piace"

    • @Bruno: se mi permetti un consiglio, se cambi nome devi pure cambiare un po’ stile, il tuo è personalissimo, che significa anche riconoscibilissimo.

      Se un domani si presentasse sui nostri blog un signor Pincopalla, o Robin Hood, o PlinPlonPlan, che parlasse in maniera ineludibile del suo crescere in diminuendo senza nulla a pretendere, lontano da cialtronerie, forse qualche sospetto ci verrebbe…. 😀

      "Mi piace"

  27. Cavaliere Errante

    Ma sempre un ‘sospetto’ sarebbe, una mera ipotesi eseguita per assonanze foniche, non una reale identificazione che sminuisse la ‘privacy’ di quel messere o dei suoi cortesi interlocutori .

    "Mi piace"

    • Cambia pure indirizzo e-mail, altrimenti è identificabile il disegno associato al tuo nome (ah, questi uomini, tutto tocca dirgli! 😛 )

      NB: per stavolta l’ho cambiato io 😉

      "Mi piace"

  28. Cavaliere Errante

    @Ifi, ti ringrazio ( mi ripeto ? Ebbene sì ! E mi ripeto volentieri con te ! ), ma non è questione tanto di “questi uomini”, quanto della mia imperizia col piccì .
    Appena possibile, mi farò suggerire dal mio consulente ( un amico peraltro ) come fare, anche se a dirtela franca per me non è poi così importante ‘non essere’ identificato’ . Mi identifichino pure, se vogliono, io non lo temo ( forse, anzi, in cuor mio lo desidero ) !
    Pur ‘errante’ per lande sconosciute, feci ‘tesoro’ delle tue parole : “Il Blog è un luogo libero e aperto, in cui, nel pieno rispetto per gli altri e per le loro opinioni, ciascuno si possa esprimere con il ‘suo’ stile e con la ‘sua’ cultura” !
    Un abbraccio errabondo

    "Mi piace"

    • @Cavaliere: ok, sarai il nostro “Giovanni Senzaterra”, e ti offriremo volentieri ospitalità nella nostra 🙂

      "Mi piace"

  29. Cavaliere Errante

    John Without Land ?
    Un grande, a dispetto delle saghe ‘robinwoodiane’ e ‘riccardocuordileoniane’, sotto il cui interregno si promulgò la “Magna Charta” ( si dirà così ? ), un documento tutt’ ora attuale !
    Nò, madamigella @Ifi, troppo onore per me sarebbe esser accostato a cotanto Uomo !
    Io vado errando per lande lontane e rive di mare sconosciute,
    “ineludibilmente” sentendo voci di gente, offesa da “cialtroni” e felloni, che non può difendersi senza la mia spada, ed ascolto voci di dentro che mi parlano ancora, la mia casa è la strada, il tetto le stelle .
    Il mio nome è “Cavaliere” e tale intendo, ad onta della mia corazza un po’ corrosa, restare fino a che il Fato si compia .
    Ma nella terra tua @Ifi, dove mi fu profetizzato che un mio lontanissimo discendente troverà albergo e affetto da te nell’ epoca dell’ unto, ahimè, cavaliere anch’ esso, resterò, per quanto io possa, il tempo sufficiente ad esprimerti la mia gratitudine per me e per lui !
    Grazie per l’ ospitalità .

    "Mi piace"

  30. Cavaliere Errante

    Attenzione : ‘robinwoodiane’ = Robin Hood + Hollywood !
    Poichè nei Film che faranno i Posteri nella Mecca del Cinema, sempre quello sarà il ‘leit motive’ ( si scriverà così ) delle pellicole infedeli : Eroi Robin & Richard, bastardo e infame John !

    "Mi piace"

  31. dani

    Ennò.. scusi eh.. ma di questi tempi.. de “Cavaliere” ce ne basta e avanza uno solo… 😉

    "Mi piace"

    • E anche quello erra, uh se erra (pur rimanendo sempre piazzato là! 😆 )

      "Mi piace"

  32. Cavaliere Errante

    Perchè rattristarmi, damigelle ?
    Io dissi AHIME’ al pensiero di quel cavaliere untuoso !
    Ei fu cavaliere per ordite manovre della Loggia .
    Io per sentimento !

    "Mi piace"

Trackback

  1. Chi è Ifigenia? (by Balibar) « Il mondo di Ifigenia

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: