Cara Martina…

Cara Martina,

oggi ho letto il tuo ultimo post e, come spesso con te mi capita, non ce l’ho fatta a rispondere.

Intenso, coinvolgente, vero, uno sfogo che va a toccare quel dolore che è il mio stesso dolore, quei rimpianti che sono i miei stessi rimpianti, quei dubbi sul futuro che sono i miei stessi dubbi sul futuro.

Quei sensi di colpa che sono i miei stessi sensi di colpa.

Gli altri hanno di più, e che strano nel mio caso: ho avuto tutto per prima, una carriera quando i miei amici lottavano per un posto qualsiasi, una casa quando loro avevano sì e no la stanzetta a casa dei genitori, a cui ancora dovevano render conto.

Poi, come nella storia della lepre e la tartaruga io, tronfia della mia velocità mi sono messa seduta, mi sono addormentata, mentre la tartaruga (e, direi, ogni altro animale) mi ha superato.

Ma sono io che mi sono messa seduta o mi ci ha messo la vita? Ho veramente tutte queste colpe? E non vale il fatto che, premio o non premio, traguardo o non traguardo, sono pur sempre una lepre, di fatto oggettivamente e innegabilmente più veloce della tartaruga? Punti di vista.

Cosa lascerò a mia figlia?

Mio padre, alla sua morte, credo possedesse il corrispettivo di due o tre sterline, praticamente nulla. Eppure, mio padre, quell’uomo che non si è mai arreso, quell’uomo che non si è mai venduto, quell’uomo che ha sopportato umiliazioni ingiuste e inenarrabili per portare onestamente il pane a casa, quel padre che ha messo sempre la famiglia al primo posto e non ci ha abbandonato mai, ci ha lasciato ben altro patrimonio: per primo, l’orgoglio di essere suoi figli.

Ecco, mi riprende il magone, lo dicevo io che non ce l’avrei fatta a risponderti.

Dicevo, tuoi figli sono orgogliosi di te. Io sono fiera di non essere figlia di un portaborse, di non essere figlia di uno che è passato sul corpo degli altri, sono fiera di essere figlia di un uomo con un gran cuore e una grande coscienza, e non con un dito di pelo sul cuore come spesso capita di avere a chi porta più soldi a casa (sempre ammesso che li porti a casa e non se li mangi altrove).

Le radici? Quale radice più grande e più forte di una madre come te?

Io qualche legame familiare in più l’ho avuto, magari anche fortissimo, ma parliamo di poche persone, anche perché le difficoltà economiche non permettono una gran vita sociale: ma quale società più grande di mio padre, quale radice più grande e più forte di essere figli di un uomo così straordinario?

Forse questi tuoi scritti saranno l’unica cosa che lascerai a tuoi figli, oltre il ricordo di chi sei, e cosa hai fatto per loro, e dell’amore grande di cui li nutri: ah, quale grande ricchezza sarà questa per i nostri figli, che ricchi rampolli annoiati non potranno mai ereditare dai loro genitori assenti e vuoti.

Ti abbraccio.

30 commenti

  1. Cara Ifigenia
    il fatto che tu mi abbia dedicato un intero post mi lusinga, ed allo stesso tempo mi commuove. E difatti sono commossa. Anch’io ho sempre pensato che ci fossero delle analogie nelle nostre situazioni. Se non delle analogie di vissuto (i vissuti sono sempre unici e personali), sicuramente nel fatto che entrambe siamo madri con figli a carico che non riescono a vedere bene nel futuro. E questa nebbia esistenziale ci angoscia.
    Ci vuole un punto saldo nella vita. Tu hai il ricordo meraviglioso di tuo padre. Quando parlo di uomini di integrita’, uomini che vorrei come padri per i miei figli, ecco ho sempre in mente una figura simile a tuo padre.
    I miei figli non sono orgogliosi del loro padre, almeno mio figlio non lo e’ (dichiaratamente, purtroppo), mia figlia non esprime commenti ma e’ sempre attaccata a me (fisicamente e mentalmente) con entusiasmo (anche perché il padre non e’ disponibile, ci sono poche scelte). Forse sono solo una gran sognatrice -e questo e’ un grosso problema, che mi ha portato a compiere grandi disastri nella mia vita – ma io volevo un padre straordinario per i miei figli. Come quello che cercavo io, dato che mio padre e’ sempre stato assente -letteralmente, mi parlava a malapena – dalla mia vita.
    Di nuovo, sono stata fregata. Ma non me ne faccio scusanti. Come ho scritto e sottolineato anche nel mio blog, io sono la totale causa dei miei errori, di cui mi prendo la completa responsabilita’. Una donna sana di mente non si sarebbe avvicinata a quell’uomo nemmeno nel raggio di un chilometro. Figuraci poi farci due figli. Ne abbiamo discusso in passato, ricordi? Il solito problema tipico femminile, la “sindrome da crocerossina”, la speranza che lui sarebbe cambiato. MAI mettersi con un uomo per cambiarlo. I partner, i compagni si scelgono perché piacciono cosi’ come sono, senza desiderare di cambiarli nemmeno di un centimetro. Una lezione che ho imparato duramente.
    Tu sei una donna forte, non mi dai l’impressione di una che si siede e stia a guardare. Mi sembra che comunque tu abbia un lavoro decente, che mantenga una certa dignita’ di vita. Come ha scritto un mio commentatore, quello che lasceremo ai nostri figli non sara’ materiale. Ma sara’ forse (e spero) quell’integrita’ che non sono riusciti a trovare come esempio da altre parti.
    Pero’ a volte la stanchezza e’ enorme. E’ fisica e mentale. La consapevolezza di essere l’unico punto fermo nella loro vita a volte e’ troppo grande.
    Diamoci manforte.
    Un fortissimo abbraccio, grazie ancora.

    "Mi piace"

    • Cara Martina,

      ho appena scritto sul tuo blog, e credo di aver dato la risposta a questa tua angoscia: se tu non avessi fatto i tuoi due figli con quest’uomo, loro non è che sarebbero stati più felici, semplicemente non sarebbero esistiti, e credo che il solo pensiero ti sia inconcepibile.

      Questo è semplicemente il prezzo che hai pagato per avere i tuoi figli: le cose meravigliose raramente sono gratuite.

      "Mi piace"

  2. Ed e’ questo l’unico punto fermo della mia vita. L’hai individuato alla perfezione: il fatto che loro esistano. Loro sono l’unica cosa di cui non mi pentiro’, mai.

    "Mi piace"

  3. Avete ragione, gli uomini non si possono cambiare, ma i figli sono l’unico vero dono della vita, e a loro da buone madri si può insegnare ad essere persone uniche e rispettose di un altro essere umano, diversi da chi senza pregiudizi ne orgoglio ne pietà ne compassione calpesta tutto il resto…questo si possiamo insegnarlo, e mentre lo insegnamo loro magari ricordarlo anche a noi stesse…
    Vi voglio bene
    kate

    "Mi piace"

  4. Beh, insomma… questa mia non intendeva essere una campagna antiuomo 😉

    Certo, quelli che sono capitati a noi meglio perderli che trovarli, però esistono tante persone perbene, che si creano una famiglia, la curano e se la difendono.

    Beh… “che ci sian ognun lo dice dove sian nessun lo sa” 😆

    "Mi piace"

  5. Ettepareva se non c’era la battutina finale…
    Comunque in questo post e in quello di Martina ho ritrovato alcuni elementi che appartengono anche a me, anche se io credo, da un certo punto di vista, di essere messo un pochino peggio.
    Comunque ritengo che niente possa essere meglio che lasciare ai figli la dignità di avere vissuto onestamente.
    Poi però, quando tutti quelli che lo fanno avranno pure la forza e la voglia di mettersi insieme, allora forse qualcosa cambierà…
    O no?

    "Mi piace"

  6. dani

    La dignità di avere vissuto onestamente.., aquila??
    No, non credo che basti..

    "Mi piace"

  7. @Aquila: sono d’accordo, assolutamente. Vorrei incontrarla subito questa persona, e costruire qualcosa finché siamo in tempo.

    @dani: che intendi?

    "Mi piace"

  8. dani

    L’ho buttata lì..ovviamente per motivi personali.. e mi rendo conto che non riesco con così poche parole a spiegarmi meglio…
    Un’altra volta.. non so..
    Comunque, voglio sperare che la maggior parte delle persone abbia la dignità di aver vissuto onestamente ed è per questo che non credo sia sufficiente per lasciare “qualcosa” ai propri figli.. Ho virgolettato quel “qualcosa”.. perchè mi riferisco a qualcosa che sia degno di essere virgolettato da loro..
    O forse la maggior parte delle persone “crede” di aver vissuto dignitosamente e onestamente..ma lo è anche per gli altri? Figli compresi?
    Lo so, ingarbuglio le cose perchè parlo e non parlo..

    "Mi piace"

    • Ecco, io penso che ” la maggior parte delle persone “creda” di aver vissuto dignitosamente e onestamente”, ma che non sia così.

      Io non parlavo di mezze maniche e personi imbelli, non parlavo di “bonari” o “bonaccioni” sedicenti “buoni” per non avere la capacità di non esserlo. Non intendevo remissive pecore, che poi diventano quelli con un fardello carico di omissioni – grandi alleate del male -, non parlavo dei “mobber passivi” dell’umanità.

      Io parlavo di uomini che lottano per degli ideali, laddove l’ideale non è necessario che sia la salvezza di tutta l’umanità, potrebbe essere un semplice far fronte al proprio dovere senza vendersi, senza mai cedere al “mors tua vita mea”. Ecco, questo intendevo, e ne caso credo che sia per i figli un’eredità più che sufficiente

      "Mi piace"

  9. dani

    E’ un discorso che si complica.. Non posso non essere d’accordo e condividere quanto tu dici.. E’ forse un aspetto che i figli apprezzeranno appunto come “eredità”.. un pò tardi.. (ma ovviamente non mi riferisco a tutti..)

    "Mi piace"

  10. Bruno De Angelis

    “Comunque ritengo che niente possa essere meglio che lasciare ai figli la dignità di avere vissuto onestamente.
    Poi però, quando tutti quelli che lo fanno avranno pure la forza e la voglia di mettersi insieme, allora forse qualcosa cambierà…” !
    Sottoscrivo ‘parola per parola’ quanto dici, @Aquila !
    E questo tuo pensiero, mi sembra un’ aspettativa nobile e acuta ! Forse, è proprio nell’ impegno di ‘vivere onestamente’ , e con dignità aggiungo io, che si potrebbe attingere un cemento più resistente per ‘tenere una coppia’, o quantomeno per n ‘farla esplodere’ come un petardo .

    "Mi piace"

    • Guarda che anch’io sono d’accordo con Aquila: magari a trovarlo un uomo così!

      Però sapete che capita? Tutti vediamo bravi ragazzi mettersi con delle disgraziate che li fanno a pezzi e del mascalzoni mettersi con brave ragazze che fanno a pezzi, però mi è capitato più di una volta di vedere l’ex bravo ragazzo, una volta trovata una degna compagna, farle pagare senza pietà quello che ha subito dalla precedente.

      Permettetemi, a certi uomini direi “Ne abbiamo le scatole piene delle vostre frustrazioni, troppo facile riprendervela con chi vi ama! Avete tanto sofferto nella storia precedente? ANCHE NOI, altrimenti non staremmo qui”.

      "Mi piace"

  11. Bruno De Angelis

    In effetti, Ifi, la situazione che descrivi è visibile a tutti . Eppure, io penso che non aiuta ‘generalizzare’ i comportamenti .
    Aiuta invece inseguire quell’ onestà e dignità di cui parlavamo sopra, poichè quella è raggiungibile con certezza, se si paga il prezzo che la scelta comporta !
    E’ questo il punto : il “prezzo da pagare è alto” ! E l’ egoismo, la cialtroneria, la disonestà, la mancanza di rispetto per l’ essere umano ( un rispetto, ovviamente, a prescindere dal ‘sesso’, dalla religione, dalla razza, dal censo ), la presunta superiorità che non di rado si sente sugli altri più deboli, l’ avidità senza limiti, spingono “uomini e donne” a non volerlo pagare !

    "Mi piace"

  12. Allora, preciso assieme ad Ify, lungi anche da me da essere antiuomini. Quando dicevo che gli uomini non si possono cambiare intendevo che non si DEVONO cambiare. Se si accetta un partner, uomo o donna, lo si accetta e lo si ama per quello che e’. Se lo si vuole cambiare, vuol dire che non lo si ama per quello che e’, non c’e’ reale amore. Questo e’ stato il mio errore.
    Ci sono uomini meravigliosi la’ fuori, penso solo al padre di Ifigenia. Sono solo stata sfortunata, o meglio, ho fatto io un errore di affidare il mio futuro ad una persona (non importa se uomo o donna a questo punto) danneggiata.
    Ho molti amici uomini, tutte persone in gamba. Penso di avere una componente maschile nel mio carattere, per questo riesco a stringere molte amicizie maschili, anche di lunga data. Non mi sognerei mai di mancare di rispetto a tali amici. Giusto per precisare, mi sembrava di dovere.
    Insomma, nonostante tutto io gli uomini li amo 😉

    "Mi piace"

  13. Beh, però io penso che in giro ce ne siano di donne “antiuomo”.
    Sì – direte voi – ma ci sono anche tanti uomini “antidonne”.
    Certo. Andrebbero messe al bando tutt’e due le categorie. E magari bisognerebbe fare anche una bella bonifica.
    Nel dubbio, e finché non vedrò all’opera gli sminatori dell’ONU, io non mi muovo…

    "Mi piace"

    • @Aquila: ho capito, non ti muovi, e quindi dovrò muovermi io? Nemmeno un incontro a metà strada? 😆

      "Mi piace"

  14. Riposto il commento di IFI

    “l’ex bravo ragazzo, una volta trovata una degna compagna, farle pagare senza pietà quello che ha subito dalla precedente.

    Permettetemi, a certi uomini direi “Ne abbiamo le scatole piene delle vostre frustrazioni, troppo facile riprendervela con chi vi ama! Avete tanto sofferto nella storia precedente? ANCHE NOI, altrimenti non staremmo qui”.

    ….ecco questo è quello che sento anche io, non stiamo giocando a chi tira più forte, ma siamo esseri umani e il rispetto come l’amore dovrebbereo essere al primo posto!

    kate

    "Mi piace"

    • E poi, se si accetta una nuova unione, dovrebbe essere per costruire, non per trovare la valvola di sfogo dei dolori passati. Conforto per il passato dal nuovo compagno, dalla nuova compagna sì, ma la rivalsa nei suoi confronti è pura follia.

      "Mi piace"

  15. Bruno De Angelis

    Questo bellissimo Post, è coinciso, purtroppo, con i miei ‘problemi personali’ di danno al PC . Intervenendo da una postazione pubblica di internet, non ho avuto la possibilità nè di approfondire il testo ( la nobile lettera di @Ifigenia a @Martina ! ), nè di commentare come sento l’ intero argomento .
    Ho potuto soltanto limitarmi a sottoscrivere, in quella circostanza, le riflessioni di @Aquila ( Commento 6 ) e di @Ifi ( Commento 2 ), condivisione che ripeterei comunque in ogni momento !
    Ma il mio ritornare in argomento ha un’ altra ragione che prima non avevo perfettamente individuato .
    Qui, con una sincerità accorata, si parla di Donne che hanno fatto “errori” ( l’ aver amato un Uomo sbagliato, padre dei loro Figli ) di cui, in passato o adesso, l’ esistenza ‘porge il salato conto’ : una vita in salita, inquietudini, complessi di colpa, e incomprensiosi perfino dai loro Figli .
    Nò, carissime @Martina e @Ifigenia, non compiste “errori”, ma “scelte”, umanissime e comprensibili scelte che chiunque, innamorandosi ( a torto a ragione ) del partner, avrebbe fatto “in quel fatidico istante della passione” . Errori si rivelarono poi, o meglio ‘col senno di poi’ , non prima ! La vita quindi, o chi per lei, non vi deve presentare alcun conto da pagare . Poichè la scelta è leggittima sempre e le conseguenze, pur dipendendo ‘anche’ da quella, derivano per la massima parte dal decadimento dei valori della Società, dall’ imbarbarimento delle Persone ( Uomini e Donne ), dalla perdita dei riferimenti etici e dalla decadenza dei valori della dignità e dell’ onestà . Ha ‘straragione’ @Ifigenia, carissima @Martina, quando afferma che non è così scontato che i tuoi Figli sarebbero stati più felici ‘se tu avessi scelto un altro Uomo’, poichè pur ammettendo un qualsivoglia ‘cambiamento in positivo’ all’ interno della tua casa, questa positività sarebbe stata comunque una ‘ben misera variante’ sotto il peso schiacciante di “questa” società, in cui conta soprattutto il soldo ( anche se ‘peloso’ ), il potere ( ottenuto calpestando gli altri o lasciandosi calpestare ) e la disonestà più ruffiana e cialtrona .
    Dalle parole di rimpianto ed orgoglio ‘per suo Padre’ proferite da @Ifigenia ( e sappiamo quanto questa bloggher onesta ed intelligente sia poco incline ‘al piangersi addosso’ o ‘alla retorica del sentimentalismo guitto’ ! ), da quelle parole tenere serbate nel suo cuore di ‘Donna e Figlia’ , emerge una struggente e irrefrenabile fierezza per l’ eredità di dignità e di onestà che il Padre le lasciò ‘inequivocabilmente’ . Per voi due, per la carissima e fragile @Kate, nessun Padre di quella nobile stoffa lascerà ai vostri Figli la stessa ‘ricchissima eredità’ ? Sarà pure così, “ma la lascerete voi”, indubitabilmente, con il vostro coraggio, con il mantenimento impervio della “vostra” onestà e dignità femminile, con il vostro accettare la sfida dell’ esistenza “da sole”, belle dentro e fuori, Donne Universo, Persone indimenticabili !
    Lo sò, ai Figli non dispiace, mai, la rassicurante immagine dei loro Genitori ‘uniti e consacrati’, innamorati senza età, sempre ‘mano per mano e bocca su bocca’ ! Ma quando a loro volta diventeranno, ineludibilmente, Uomini e Donne, a fronte di quell’ immagine dei loro carissimi Papà&Mamma a braccetto, varrà incommensurabilmente di più l’ eredità di cui parlano @Ifigenia ed @Aquila, poichè la prima è frutto soprattutto del caso, la seconda di lacrime e sangue, di vittorie esaltanti e sconfitte amarissime . Per loro ‘adulti’, l’ una sarà una dolce ‘cartolina’ da custodire nell’ album dei ricordi, l’ altra è l’ esistenza, bella e perduta che sia stata, ma ricca di una carne buona sempre da mangiare per loro, giorno per giorno !

    P.S. Le stesse riflessioni sono dedicate ad @Aquila, la cui situazione, si intuisce benissimo, non è dissimile dalla vostra ( forse ancora più difficile, benchè lui sia un Uomo ! ), anche se questo bloggher è abilissimo, con l’ ironia salace del suo inarrivabile stile, a nascondere ansie e inquietudini ! Ma neanche la sua impareggiabile abilità è riuscita a fargli omettere le nobili parole di chiusura al suo commento n. 6, le stesse, a ben vedere, di quelle di @Ifigenia .

    "Mi piace"

    • Beh, valeva la pena di aspettare un po’ per avere queste tue parole. )

      Caro Bruno, anch’io credo che la situazione di Aquila sia analoga alla nostra, a volte vedo in lui un’anima speculare: come dire, siamo tutti sotto uno stesso cielo, che non è affatto diviso a metà.

      A dispetto di quello che può sembrare, io in realtà non faccio distinzione tra uomini e donne, ma parlo di persone, con il loro cuore, i loro sogni, la loro storia, le bastonate della vita sulla loro ( nostra) schiena e sulla loro (nostra) anima.

      L’amicizia profonda con bali, scevra di sovrastrutture e facciate, mi dà spesso l’occasione di confrontarmi sui vari temi con un punto di vista maschile, e devo ammettere che questa prospettiva non è meno giusta o comprensibile della nostra. Gli occhi sono gli stessi, è la posizione da cui guardiamo la stessa cosa ad essere diversa: ma la Terra gira…

      "Mi piace"

  16. Bruno De Angelis

    E’ vero Ifi, e te ne dò ampiamente e pubblicamente testimonianza !
    Al di fuori delle circostanze in cui è bello ‘anche’ scherzare e prenderci per i fondelli ( sempre però con affetto e rispetto reciproco ) sulla perenne lotta uomo-donna, “tu non hai mai fatto distinzioni di sesso”, riferendoti, sempre e comunque, alla PERSONA, unica pulsazione di gioie e sofferenze, unico micromondo che può espandere ad Universo o implodere nella fatale nullità !
    Mentre leggevo le parole della tua ‘lettera da conservare’ e ti sentivo descrivere, rabbrividendo, tuo Padre e la tua fierezza per essere sua Figlia, ripensavo alla scena finale del ‘Cirano’ di Rostand ! Ricordi ?
    L’ imbattibile Spadaccino è stato calpestato e schiacciato a morte dalle ruote di un carro guidato da vigliacchi . Lui arriva da sua Cugina ( Vedova inconsolabile del bellissimo Cristiano ) ed ha la forza di consolarla per l’ amore sublime ( l’ Amore perfetto ) che nutre, di nascosto, per lei . Poi, morente, si alza e guarda barcollando la luna, si toglie il Cappello piumato e lo sventola all’ astro, mostrando ad esso, con un orgoglio che supera la morte, il ‘candore sofferto’ , ma mantenuto comunque tale per tutta la vita, del suo immacolato, incorruttibile ‘Pennacchio Bianco’ !
    Sì, penso con fiducia incrollabile che i vostri Figli riceveranno, da voi Madri, lo stesso pegno immacolato .
    Un abbraccio

    "Mi piace"

    • Me lo auguro Bruno.

      Un abbraccio a te.

      "Mi piace"

  17. Bruno De Angelis

    E a te, Amica mia !
    Appena ti sarà possibile, e ti farà piacere andarci, va al ‘Piccolo Arancio’, a Casa mia !
    Nel mio pensiero che non di rado travalica la realtà quotidiana, amo pensare che tu ci vada con @Bali, persona che stimo e con cui mi rispecchio, a volte . Mi rassicura non poco l’ amicizia che vi lega, che vi lega come piace a me, e cioè ‘comunque e senza nulla a pretendere’ . Lui è un Uomo saggio, di una saggezza pacata e di ‘una leggerezza’ che, in un uomo, è un dono tanto raro quanto prezioso, poichè sa rendere sereno anche il drammatico, stemperandone con un sorriso lieve ogni punta di inquietudine .
    Un Amico, un Compagno ideale ! Salutalo per me !

    "Mi piace"

    • @Bruno: per la prossima volta che c’incontreremo io e Bali mi sposterò io, quindi per il Piccolo Arancio dovremo attendere ancora un po’ ma tranquillo, non mancheremo!

      "Mi piace"

  18. Bruno De Angelis

    Prova nuovo PC, prova nuovo PC mio !
    Scusami Ifi, sto provando a ‘rimemorizzare’ con nuovo PC i ‘miei blog preferiti .
    A presto

    "Mi piace"

    • @Bruno: ricordati della mia prozia, sennò si offende 😆

      "Mi piace"

  19. Bruno De Angelis

    Provveduto !!!
    Ma l’ amico @Kolajannis, che deve essere ‘parente alla lontana’ di @Aquila, ha spostato la discussione sul ‘sesso degli angeli’, e, conoscendo la tanacia della tua ‘Pro(ripetutotrevolte)Zia’, non sarà facile uscirne !

    "Mi piace"

    • Il sesso degli elfi, piucchealtro. 😉

      "Mi piace"

Trackback

  1. Riflessioni disarcionate di un quasi cinquantenne « Aquila Non Vedente

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: