Archivi Mensili: luglio 2010

Politically correct

Non so se già è capitato di dire che ho il dente avvelenato contro il linguaggio edulcorato, quello del “di colore”, “diversamente abile”, “non vedente” e “non udente”, il inguaggio della gente che per indicare il diverso, lo scomodo, usa un tono mellifluo, atteggia il labbruccio “a culo di gallina” e fa di tutto per usare termini …

Continua a leggere

Pregiudizio

Ieri ho lasciato un commento da Aquila che secondo me vale la pena di riportare qui. Mi agganciavo a queste parole del suo post: Si tirano anche conseguenze del tutto improprie […] dai ragionamenti. Per esempio, se io dico che mi piace la Panda, troverò sicuramente un sacco di persone che ribatteranno: “Ma allora tu …

Continua a leggere

Discrezione

Oggi si sentivano le urla di una vicina che arrivavano in cielo. C’era un’altra persona con lei, che urlava ancora più forte. Ora, siccome io sono una persona discreta, e la vicina in questione era la tipa di cui avemmo già modo di parlare, ho dato incarico a mia figlia, mentre io sfaccendavo per casa, …

Continua a leggere

Cara Martina…

Cara Martina, oggi ho letto il tuo ultimo post e, come spesso con te mi capita, non ce l’ho fatta a rispondere. Intenso, coinvolgente, vero, uno sfogo che va a toccare quel dolore che è il mio stesso dolore, quei rimpianti che sono i miei stessi rimpianti, quei dubbi sul futuro che sono i miei …

Continua a leggere

Dettagli

Carissimi amici, eccomi di ritorno dalle vacanze (o che per esse). Devo dire che è stata una sorpresa meravigliosa trovarvi tutti qui, così presenti, e vedere che Bali ha preso le redini della situazione, anche se poi gli uomini finiscono sempre col parlare di politica, e allora è necessario che intervenga io per riportare il …

Continua a leggere

Ciao Bal…

Nessuno è perfetto e Balibar, creatura decisamente straordinaria, è, ahimé, un ariete. E’ entrato nel mio mondo virtuale circa un anno fa, poi ha bucato lo schermo ed è entrato in quello reale, ed è stata un’esperienza di incredibile profondità e dolcezza. Mi è stato (e mi sta ancora) vicino nei momenti difficili, condividiamo quelle rare gioie …

Continua a leggere

Le nuvole

Oggi, ho soltanto voglia di piangere.

Continua a leggere

Il Vanitoso

Del Piccolo Principe ogni tanto torniamo a parlare, ma gli episodi citati in rete sono soprattutto quelli relativi alla volpe e alla rosa. Oggi invece vorrei proporvi la caratteristica umana presentata nell’11° capitolo, la Vanità. “La vanità, il mio peccato preferito!”, recitava il poliedrico Al Pacino in “L’avvocato del diavolo”, e in effetti credo che, …

Continua a leggere

Pieno di che?

Se i malintesi ci sono tra chi parla la stessa lingua, figuriamoci tra chi non la parla. Ora, io capisco che uno straniero possa avere difficoltà, ma quello che non mi va giù è quando avanza la pretesa che quello che ha capito lui sia la cosa corretta e insiste con arroganza, anziché rendersi semplicemente conto che ha …

Continua a leggere

La coerenza di Attila

Sì, lo so, pensate tutti sia colpa mia.  Il guaio è che lo penso anch’io, forse mi sono abituata, come la rana che messa in acqua bollente schizza fuori e si salva, mentre messa in acqua fredda e scaldata un grado per volta non se ne accorge e si lascia morire. Dunque, si organizzano le …

Continua a leggere

Il soldato e la principessa

Trovo questo video su un recente post di aquilanonvedente, e mi colpisce il dialogo, che riporto qui per quanti non potessero riprodurlo: (Alfredo:) Una volta un re fece una festa e c’erano le principesse più belle del regno. Ma un soldato che faceva la guardia vide passare la figlia del re. Era la più bella …

Continua a leggere